Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

L'impatto dell'evoluzione dei sistemi informativi sul controllo di gestione

In questo momento le aziende sono costrette a confrontarsi in un ambiente cosiddetto “iperturbolento”, dove la delocalizzazione si unisce alla globalizzazione del mercato, la sempre più rilevanza delle capacità è accostata al migliore appagamento dei clienti e all’immensa possibilità di sfruttamento delle informazioni che, come qualsiasi altra risorsa intangibile, rappresentano un mezzo essenziale per il corretto andamento dell’azienda. Giacché è possibile trovare l’elemento informativo in ogni atto compiuto nella sfera aziendale, a un livello sopraelevato rispetto ad altre risorse sfruttate, è chiaramente utile e necessario, preoccuparsi di un suo impiego intelligente. Perciò è indispensabile comprendere il SI aziendale muovendo dalla determinazione del fabbisogno informativo, attuando così la prima fase essenziale per la sua messa a punto, che deve essere interpretata come individuazione e osservazione delle notizie utili per il buon andamento dell’impresa. Difatti, in azienda i dirigenti esigono in misura sempre maggiore rapporti di tipo gestionale, non solo quantitativi; una strategia aziendale, seppur efficace in termini di creazione del valore, ha consistenti problematicità nella sua implementazione e traduzione operativa. La tesi che si vuole supportare è che il controllo di gestione si sta sviluppando, dato che ai procedimenti tipici di previsione economica e finanziaria bisogna accostare moderni schemi di reportistica e osservazione di ogni fattore critico di successo. Il controllo di gestione è essenziale per la messa a punto di una strategia e degli obiettivi operativi. La maggiore necessità ha concorso a far moltiplicare le applicazioni capaci di sorreggere sempre più tempestivamente ed efficacemente la domanda d’informazioni ai fini dirigenziali. Ciò nonostante, non si vuole dire che i sistemi di pianificazione e controllo odierni siano ormai superati, ma soltanto che questi devono affacciarsi alla moderna Information Technology, poiché l’emissione provvidenziale e competitiva d’informazioni rappresenta uno degli elementi più rilevanti per le corrette scelte direzionali. Il controllo di gestione attuale ha bisogno di essere articolato come uno strumento dinamico e flessibile capace di dare risposta alle minacce connesse al cambiamento del mercato e delle sue problematicità. La Business Intelligence diventa così un utile sostegno tecnologico, dal momento che accosta moderni strumenti di analisi, esposizione e simulazione delle informazioni al processo decisionale.
Il fine primo di questa tesi è far risaltare gli influssi dell’Information Technology grazie all’utilizzo del SI nelle molteplici attività aziendali, da quelle propriamente più operative a quelle strategiche. È conveniente mettere in risalto come un sistema integrato è capace di generare informazioni non duplicate, e conseguentemente condivise e fruibili in tempo reale: è una peculiarità di degna di nota nella prospettiva d’impiego delle informazioni per il controllo di gestione. L’assunzione di un sistema ERP o di strumenti di BI non rappresenta in sé un vantaggio competitivo; quest’ultimo verosimilmente resta legato alle “core competence”, colte dallo stesso cliente come origine di vantaggio competitivo.

Mostra/Nascondi contenuto.
Introduzione 1 L’impatto dell’evoluzione dei Sistemi Informativi sul Controllo di Gestione Introduzione In questo momento le aziende sono costrette a confrontarsi in un ambiente cosiddetto “iperturbolento”, dove la delocalizzazione si unisce alla globalizzazione del mercato, la sempre più rilevanza delle capacità è accostata al migliore appagamento dei clienti e all’immensa possibilità di sfruttamento delle informazioni che, come qualsiasi altra risorsa intangibile, rappresentano un mezzo essenziale per il corretto andamento dell’azienda. Giacché è possibile trovare l’elemento informativo in ogni atto compiuto nella sfera aziendale, a un livello sopraelevato rispetto ad altre risorse sfruttate, è chiaramente utile e necessario, preoccuparsi di un suo impiego intelligente. Perciò è indispensabile comprendere il SI aziendale muovendo dalla determinazione del fabbisogno informativo, attuando così la prima fase essenziale per la sua messa a punto, che deve essere interpretata come individuazione e osservazione delle notizie utili per il buon andamento dell’impresa. Difatti, in azienda i dirigenti esigono in misura sempre maggiore rapporti di tipo gestionale, non solo quantitativi; una strategia aziendale, seppur efficace in termini di creazione del valore, ha consistenti problematicità nella sua implementazione e traduzione operativa. La tesi che si vuole supportare è che il controllo di gestione si sta sviluppando, dato che ai procedimenti tipici di previsione economica e finanziaria bisogna accostare moderni schemi di reportistica e osservazione di ogni fattore critico di successo. Il controllo di gestione è essenziale per la messa a punto di una strategia e degli obiettivi operativi. La maggiore necessità ha concorso a far moltiplicare le applicazioni capaci di sorreggere sempre più tempestivamente ed efficacemente la domanda d’informazioni ai fini dirigenziali. Ciò nonostante, non si vuole dire che i sistemi di pianificazione e controllo odierni siano ormai superati, ma soltanto che questi devono affacciarsi alla moderna Information Technology, poiché l’emissione provvidenziale e competitiva d’informazioni rappresenta uno degli elementi più rilevanti per le corrette scelte direzionali. Il controllo di gestione attuale ha bisogno di essere articolato come uno strumento dinamico e flessibile capace di dare risposta alle minacce connesse al cambiamento del mercato e delle sue problematicità. La Business Intelligence diventa così un utile sostegno tecnologico, dal momento che accosta moderni strumenti di analisi, esposizione e simulazione delle informazioni al processo decisionale. Nel primo capitolo sono tracciate in linea di massima la funzione e le proprietà del controllo di gestione, analizzando la sua segmentazione, le sue sfaccettature e i metodi e i centri di responsabilità.

Laurea liv.II (specialistica)

Facoltà: Economia

Autore: Valentina Nasuti Contatta »

Composta da 133 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 3104 click dal 15/04/2015.

 

Consultata integralmente 3 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.