Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La specificità delle Alpi nella didattica della geografia: i masi dell'Alto Adige

In questo lavoro si delineano brevemente le caratteristiche generali delle Alpi considerando anche aspetti di spopolamento e turismo per passare ad analizzare l'istituzione del maso chiuso in Alto Adige dal punto di vista storico e la sua evoluzione nel tempo. Si analizzano le tipologie di masi, gli incentivi e gli aiuti regionali e le attività attuali che si svolgono nei masi.
In ultimo si propongono delle attività didattiche che coinvolgano la conoscenza di questa realtà regionale.

Mostra/Nascondi contenuto.
4 INTRODUZIONE Nella sua estensione relativamente modesta (301.317 km 2 ) L’Italia presenta una grande e preziosa varietà di paesaggi, contrassegnati da conformazioni geomorfologiche differenti e dall’intervento di popoli eterogenei, che hanno variamente modificato il territorio con la loro azione. La geografia dell’Italia esalta dunque le diversità: delle forme naturali, delle influenze culturali, di varietà che, pur classificabili in base a caratteri prevalenti di omogeneità presentano un’eccezionale gamma di sfumature naturali e antropiche, tali da configurare scenari incomparabili e da rendere assai articolato il sistema territoriale. 1 Dalle diversità nasce quindi la riflessione sull’importanza e l’utilità che può averne lo studio nella didattica della geografia. Le diversità portano a capire innanzi tutto che un territorio non è omogeneo, si prestano di conseguenza a lavori di confronto, alla ricerche delle similitudini, al portare in evidenza le particolarità locali che possono essere le più svariate e curiose. Nell’ambito della didattica della geografia ritengo che sia molto importante dare spazio e rilievo alle differenze territoriali, paesaggistiche e culturali, che rappresentano un’importante ricchezza che nel tempo ha contribuito alla creazione del nostro paese quale è oggi. Volendo concentrare la propria attenzione sulle Alpi, bisogna considerare che la catena alpina è il tassello orografico centrale dell'Europa: estesa dal Mediterraneo alle più alte quote montane, essa custodisce il più vasto campionario possibile di ambienti e di condizioni fitoclimatiche del continente; ospita la gran parte delle specie di flora e fauna europea, con una notevole presenza di endemismi che formano la memoria biologica della tormentata e relativamente recente storia geologica di questo territorio. 1 Pasquinelli Daniela, La geografia dell’Italia, Roma, pagg. 7, 8

Tesi di Laurea Magistrale

Facoltà: Scienze della Formazione

Autore: Laura Picchio Contatta »

Composta da 113 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 625 click dal 07/10/2014.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.