Skip to content

La pirateria nel golfo di Aden e la risposta della Comunità Internazionale

Informazioni tesi

  Autore: Franco Sciarra
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2012-13
  Università: Università degli Studi di Sassari
  Facoltà: Scienze Politiche
  Corso: Scienze politiche e delle relazioni internazionali
  Relatore: Rodolfo Ragionieri
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 58

L’obiettivo che ci si propone di raggiungere con il presente lavoro è quello di indagare sulle cause della nascita della pirateria nel Golfo di Aden e sulle misure di contrasto adottate dalla comunità internazionale per affrontare il fenomeno.
La prima parte della trattazione è incentrata sulla storia politica della Somalia, al fine di comprendere come si sia potuto creare un vuoto istituzionale per oltre venti anni nonostante gli sforzi internazionali e nazionali di istituire un governo. In seguito alla caduta della dittatura di Siad Barre nel 1991, la Somalia si è ritrovata frammentata da un punto di vista politico e sociale, sull’orlo del baratro economico, priva di un governo legale e governata dai capi dei clan più influenti del Paese. Queste problematiche hanno spinto la comunità internazionale ad intervenire per cercare di ristabilire l’ordine attraverso diverse missioni umanitarie su iniziativa dell’ONU (UNOSOM, Unitaf-“Restore Hope”, UNOSOM II). Tuttavia l’inefficacia di questi interventi ha portato i paesi regionali del Corno d’Africa ad organizzare alcune conferenze di pace per la Somalia. Tali iniziative hanno dotato il Paese di un esecutivo provvisorio (Governo Federale di Transizione) che, sebbene godesse del riconoscimento internazionale, non veniva riconosciuto da tutte le parti sociali somale. Questa situazione rappresenta una delle cause dell’origine del fenomeno piratesco, in quanto la lunga assenza di una forte autorità statale che garantisse il controllo delle coste somale e la mancanza di un sistema economico che garantisse la sussistenza della popolazione hanno contribuito alla nascita della pirateria nel Golfo di Aden.
Nel secondo capitolo, in seguito ad un breve profilo giuridico del fenomeno, si da spazio alle altre cause favorevoli all’origine e crescita della pirateria. Ci si è soffermati sulla duplice immagine dei pirati, i quali giustificano le loro azioni ricorrendo a temi quali la pesca illegale ed il rilascio di rifiuti tossici da parte di compagnie straniere nelle acque territoriali somale. Queste pratiche sono emerse quando il Paese ha perso ogni capacità di controllo costiero nel 1991, e i pirati ritengono di aver svolto un ruolo di guardiacoste per sopperire al vuoto lasciato dalle autorità. Tuttavia dal punto di vista della comunità internazionale la pirateria costituisce un semplice business criminale, sebbene si riconosca che povertà e difficile situazione economica abbiano incentivato il fenomeno. Un’altra condizione favorevole consiste nella posizione geografica strategica della Somalia. Le coste somale si affacciano sul Golfo di Aden il quale offre una conformazione molto favorevole agli attacchi grazie alla presenza di un insidioso stretto, una sorta di collo di bottiglia che rallenta la navigazione. Il golfo è di particolare importanza per le navi mercantili in quanto è uno dei corridoi più utilizzati per gli scambi commerciali tra Asia e Europa. Infine come ultima causa ci si è soffermati sull’alta frammentazione della società somala. Questa è infatti divisa in clan a loro volta suddivisi in sotto-clan, una situazione che rende complicato fare della Somalia uno stato forte in grado di ottenere un efficace controllo sul territorio e contrastare l’azione dei pirati.
Nel terzo capitolo l’analisi si è concentrata sugli strumenti utilizzati per contrastare il fenomeno piratesco e sulle conseguenze che tali misure hanno portato. In seguito all’aggravarsi della situazione, la comunità internazionale ha infatti dato vita ad operazioni di contrasto alla pirateria: l’ U.E. ha lanciato l’Operazione Atalanta, gli Stati Uniti la Combined Task Force 151 e la NATO l’Operazione Ocean Shield. Tuttavia i risultati di questi sforzi si sono rivelati efficaci solo dal 2012, ottenendo inizialmente l’effetto di estendere il raggio d’azione dei pirati che, per evitare le aree pattugliate dalle flotte internazionali, si sono spinti fino al cuore dell’Oceano Indiano. 

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
1 INTRODUZIONE L’obiettivo che ci si propone di raggiungere con il presente lavoro è quello di indagare sulle cause della nascita della pirateria nel Golfo di Aden e sulle misure di contrasto adottate dalla comunità internazionale per affrontare il fenomeno. La prima parte della trattazione è incentrata sulla storia politica della Somalia, al fine di comprendere come si sia potuto creare un vuoto istituzionale per oltre venti anni nonostante gli sforzi internazionali e nazionali di istituire un governo. In seguito alla caduta della dittatura di Siad Barre nel 1991, la Somalia si è ritrovata frammentata da un punto di vista politico e sociale, sull’orlo del baratro economico, priva di un governo legale e governata dai capi dei clan più influenti del Paese. Queste problematiche hanno spinto la comunità internazionale ad intervenire per cercare di ristabilire l’ordine attraverso diverse missioni umanitarie su iniziativa dell’ONU (UNOSOM, Unitaf- “Restore Hope”, UNOSOM II). Tuttavia l’inefficacia di questi interventi ha portato i paesi regionali del Corno d’Africa ad organizzare alcune conferenze di pace per la Somalia. Tali iniziative hanno dotato il Paese di un esecutivo provvisorio (Governo Federale di Transizione) che, sebbene godesse del riconoscimento internazionale, non veniva riconosciuto da tutte le parti sociali somale. Questa situazione rappresenta una delle cause dell’origine del fenomeno piratesco, in quanto la lunga assenza di una forte autorità statale che garantisse il controllo delle coste somale e la mancanza di un sistema economico che garantisse la sussistenza della popolazione hanno contribuito alla nascita della pirateria nel Golfo di Aden. Nel secondo capitolo, in seguito ad un breve profilo giuridico del fenomeno, si da spazio alle altre cause favorevoli all’origine e crescita della pirateria. Ci si è soffermati sulla duplice immagine dei pirati, i quali giustificano le loro azioni ricorrendo a temi quali la pesca illegale ed il rilascio di rifiuti tossici da parte di compagnie straniere nelle acque territoriali somale. Queste pratiche sono

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

pirateria
restore hope
somalia
rifiuti tossici
unosom
ocean shield
golfo di aden
pesca illegale
operazione atalanta
combined task force 151

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi