Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Gli strumenti della finanza agevolata per le PMI: un’analisi empirica nella Regione Calabria

In questo lavoro, lo studio è partito da una breve analisi sul tema delle logiche di funzionamento delle imprese nei loro primi anni di attività, per cercare di individuare le cause dei fenomeni connessi all'alta mortalità delle nuove imprese proprio nella fase post entry, altresì cercando di fornire un quadro completo ed esaustivo riguardo della complessità del fenomeno.
Nella seconda parte viene presentato lo strumento della finanza agevolata, fornendo un ampio quadro, ma anche dettagliato, di quelli che sono i progetti a sostegno delle imprese messi a disposizione dallo Stato, dall'Unione Europea e dalla Regione Calabria.
Nella terza parte, invece, viene analizzato il caso della SpecialTEC S.p.a., una New Co. beneficiaria dell'Aiuto di Stato attraverso l'utilizzo dei contratti di programma, e di come questa sovvenzione abbia condizionato le logiche di funzionamento della neo-impresa e con quali ripercussioni sulla sua economia.

Mostra/Nascondi contenuto.
1 INTRODUZIONE In questo lavoro, lo studio parte da una analisi del tema della logiche di funzionamento delle imprese nei primi anni di attività per fornire una spiegazione dei fenomeni alta di mortalità delle nuove imprese proprio nella fase post entry cercando di fornire un quadro completo ed esaustivo a riguardo della complessità del fenomeno. Nel fare ciò si è scelto di abbandonare le teorie classiche manageriali improntate sull’obiettivo di ricercare dei success factor, che hanno portato a risultati poco interessanti, per abbracciare i contributi forniti dagli schemi di indagine fondati sulla complessità. Altresì, appare sempre più evidente che il mercato non si configuri come un meccanismo efficiente di allocazione delle risorse tra i soggetti che in esso si confrontano, per cui emerge in maniera considerevole l’indispensabile ruolo degli attori pubblici nel riequilibrio globale delle dotazioni reciproche. In particolare, nel contesto della creazione d’impresa, gli squilibri tra imprese sono consistenti a seconda di caratteristiche quali l’ubicazione territoriale, la dimensione e la specializzazione settoriale. Proprio per questo motivo, a livello europeo, le istituzioni politiche provvedono periodicamente alla determinazione di piani a programmazione pluriennale di strumenti, finanziari e non, a sostegno della creazione di impresa, per favorire una più equa competizione e ridurre gli scompensi esistenti. Questa tesi si pone l’obiettivo di analizzare lo status quo della materia, per garantire ai soggetti che operano in questi ambiti alcune considerazioni specifiche in merito alla sua utilità, alla sua congruenza rispetto alle priorità strategiche delle realtà imprenditoriali ed a quelli che potrebbero essere eventuali adeguamenti da apportare nelle programmazioni future. In particolare, si ragionerà con una prospettiva di analisi molto specifica, raffigurandosi nel ruolo di un’azienda di piccola dimensione situata in territorio calabrese e studiando un’esperienza diretta di partecipazione propria a questi strumenti finanziari, per valutarne il reale impatto in termini concreti e la loro effettiva validità nel supportare le nuove imprese nella difficile fase post entry. Il lavoro è articolato in tre parti. La prima offre una rapida ma significativa ricognizione generale della teoria non classica manageriale attraverso la quale si cerca di dare risposta alle dinamiche complesse che collegano la creazione di impresa allo sviluppo di esiti positivi.

Tesi di Laurea Magistrale

Facoltà: Economia

Autore: Giovanni Indrieri Contatta »

Composta da 167 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 547 click dal 03/11/2014.

 

Consultata integralmente una volta.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.