Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La morte del giornale cartaceo

In procinto del terzo millennio potrebbe esserci un terzo evento a scombussolare la storia della carta stampata e a rivoluzionarne l’evoluzione in un percorso che si preannuncia abbastanza ostico: la nascita di Internet. Fino a questo momento nessun altro nuovo mezzo di comunicazione apparso per la prima volta aveva mai eliminato quelli già esistenti. Le pro-spettive intorno al giornale, però, rischiano di divenire nefaste proprio a causa dei vantaggi comportati dall’uso del web e da tutto ciò che ne deriva. L’immediatezza e l’istantaneità, insieme alla velocità, alla trasnazionalità e alla multimedialità, unita al carattere tendenzial-mente ubiquo e deterritorializzato , fanno di Internet strumento unico ed essenziale a cui è difficile non ricorrere in un’epoca dove l’interconnessione e la condivisione la fanno da pa-drone. L’informazione sta diventando sempre più mobile, social, real-time. Il digitale si estende a macchia d’olio tra i giovani, pubblico principe di questo cambio di rotta e che uti-lizzai i vari device, in qualsiasi formato e in qualsiasi momento del giorno, per accedere alla notizia.

Mostra/Nascondi contenuto.
4 Introduzione La storia della carta stampata è stata segnata da due eventi fondamentali che ne han- no caratterizzato il corso 1 : l’uso della stampa, resa possibile dall’invenzione della tipogra- fia, e dunque dei caratteri mobili, da parte del tedesco Johannes Gutenberg intorno alla me- tà del XV secolo e le principali pubblicazioni periodiche ai principi del 1600. La prima o- pera stampata è la Bibbia, pubblicata nel 1455, detta delle “42 linee” poiché erano proprio 42 le linee che ne componevano la pagina. Le prime pubblicazioni, tuttavia, non riguarda- vano soltanto semplici manoscritti inerenti al religioso, ma anche sottili volantini, opuscoli ed almanacchi. La stampa, però, deve ancora vivere i suoi anni d’oro. Se, infatti, l’Europa occidentale aveva tratto benefici dall’invenzione di Gutenberg rivoluzionando la propria società, nonché i modi di vivere e di pensare, è necessario attendere la seconda grande ri- voluzione industriale di fine 1800 per poter comprendere davvero quanto peso abbia avuto la stampa nello sviluppo dell’istruzione, dell’educazione popolare e nel progredire del si- stema delle comunicazioni. La stampa diviene un’industria a tutti gli effetti con la compar- sa della figura del giornalista e delle prime agenzie di stampa. In procinto del terzo millennio potrebbe esserci un terzo evento a scombussolare la storia della carta stampata e a rivoluzionarne l’evoluzione in un percorso che si preannun- cia abbastanza ostico: la nascita di Internet. Fino a questo momento nessun altro nuovo mezzo di comunicazione apparso per la prima volta aveva mai eliminato quelli già esistenti. Le prospettive intorno al giornale, però, rischiano di divenire nefaste proprio a causa dei vantaggi comportati dall’uso del web e da tutto ciò che ne deriva. L ’immediatezza e l’istantaneità, insieme alla velocità, alla trasnazionalità e alla multimedialità, unita al carat- tere tendenzialmente ubiquo e deterritorializzato 2 , fanno di Internet strumento unico ed es- senziale a cui è difficile non ricorrere in un’epoca dove l’interconnessione e la condivisio- ne la fanno da padrone. L ’informazione sta diventando sempre più mobile, social, real-time. Il digitale si estende a macchia d’olio tra i giovani, pubblico principe di questo cambio di rotta e che utilizzai i vari device, in qualsiasi formato e in qualsiasi momento del giorno, per accedere alla notizia. Tablet e smartphone sono usati sempre più frequentemente per rimanere connessi al mondo virtuale rincorrendo lo scoop o per tenersi semplicemente ag- giornati su ciò che capita nel mondo. L ’edizione digitale del giornale offre ai lettori la pos- sibilità e l’opportunità di interagire con altri utenti condividendo e allargando le proprie sensazioni, emozioni, prospettive. Per di più i giornali on-line sono gratuiti e questo spin- 1 http://comunico.wikispaces.com/La+carta+stampata+ha+un+futuro%3F 2 R.Razzante (2011), Manuale di Diritto dell’Informazione e della Comunicazione (pag. 315). Quinta edizione, Trento, Cedam

Laurea liv.I

Facoltà: Scienze della Formazione

Autore: Carmine D'avino Contatta »

Composta da 36 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1109 click dal 12/11/2014.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.