Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La scomposizione della politica migratoria: Stati Uniti e Canada in prospettiva comparata

La migrazioni internazionali, intese genericamente come movimento globale volontario di singoli o gruppi verso un luogo differente da quello di origine, con l'intenzione di stanziarsi in modo permanente o temporaneo, sono un fenomeno che genera dinamiche politiche complesse. In quest'ottica, le politiche che regolano l'immigrazione svolgono un ruolo fondamentale nella strutturazione degli incentivi e delle opportunità che gli individui hanno di spostarsi in paesi stranieri. Esse inoltre rispecchiano l'eterogeneità del fenomeno migratorio grazie alla differenziazione dei programmi adottati per la gestione, pianificazione e controllo di ciascun flusso specifico di cittadini stranieri (es. immigrati di natura economica, ricongiungimento familiare, rifugiati, ecc.).
L'elaborato si colloca all'interno di questo ambito di ricerca proponendosi di approfondire aspetti sia empirici che teorici riguardanti la complessità riscontrabile all'interno dei diversi sistemi di politica migratoria. L'ipotesi centrale, infatti, è che diversi processi migratori e le politiche che mirano alla loro pianificazione e controllo producano dinamiche e relazioni politiche differenti. Partendo dal presupposto che non si possano compiere generalizzazioni valide sulle questioni politiche sollevate dalla politica migratoria, l'analisi si è focalizzata su tre specifiche problematiche generate dal fenomeno migratorio e le modalità con cui cono state concretamente affrontate e concettualizzate nei sistemi migratori di Stati Uniti e Canada. Sono stati presi infatti in considerazione unicamente gli schemi per l'ammissione permanente e temporanea di immigrati economici e i programmi per la legalizzazione degli immigrati irregolari, cercando di verificare la presenza relazioni politiche specifiche per ciascuna issue.
Nel primo capitolo è stata illustrata la costruzione del framework teorico elaborato da Gary P. Freeman che fornisce gli strumenti concettuali per individuare le caratteristiche e le dinamiche specifiche che contraddistinguono le varie tipologie di programmi presenti all'interno dei sistemi di politica migratoria. Esso, collocando la policy al centro dell'analisi, permette di disaggregarla in componenti analiticamente distinte e di identificare quattro specifici modelli di relazioni politiche (politics) che si instaurano per ciascuna tipologia di policy. Inoltre, il framework è stato integrato con considerazioni teoriche riguardanti le caratteristiche e il ruolo svolto dalle varie arene politiche, intese come il locus istituzionale all'interno del quale vengono prese decisioni di policy.
Nel secondo capitolo è stato introdotto il contesto storico all'interno del quale si colloca la nascita delle politiche migratorie negli Stati Uniti e in Canada, ripercorrendo le maggiori tappe evolutive delle tre distinte issue in epoca moderna, ovvero da quando sono state eliminate discriminazioni etniche e nazionali per la selezione degli immigrati.
Nel terzo capitolo, infine, è stata innanzitutto descritta la struttura politica presente all'interno di ciascuno Stato, facendo specifico riferimento all'arena decisionale in cui vengono formulate le politiche migratorie. Sono state inoltre concretamente identificate e contestualizzate le variabili comprese nel framework teorico che permettono di verificare come vengono percepite le tre problematiche di policy in ciascun contesto nazionale (distribuzione di costi/benefici di ciascuna politica e posizioni assunte da opinione pubblica, interessi organizzati e partiti politici). Si sono quindi utilizzate le “lenti” concettuali suggerite dal framework teorico per spiegare le dinamiche e il processo politico che ha portato alla differenziazione delle tre issues di politica migratoria qui analizzate.
La ricerca, così organizzata, si prefiggeva, in primo luogo, di convalidare o meno la presenza di dinamiche differenti generate da distinte issue di politica migratoria. L'analisi comparata, invece, ha permesso di valutare l'applicabilità dello stesso framework, quindi l'eventuale validità dell'ipotesi iniziale, a due paesi distinti, accomunati dal ruolo centrale assunto dalle migrazioni per la fondazione e l'evoluzione storica nazionale.

Mostra/Nascondi contenuto.

Laurea liv.II (specialistica)

Facoltà: Scienze Politiche

Autore: Alice Zanasi Contatta »

Composta da 159 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 225 click dal 22/10/2014.

 

Consultata integralmente una volta.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.