Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Tecniche di selezione del personale nelle cooperative sociali di Bologna, Ferrara e Modena: un'indagine esplorativa

Quando si parla di selezione del personale è il fatto che tutte le esperienze ad essa collegate, sia personali e sia di molti conoscenti, sono tutte le une diverse dalle altre. L'interesse grazie al quale ha preso le mosse la mia tesi di laurea è sostanzialmente quello di capire che cos'è la selezione del personale, quali sono i suoi scopi principali, gli elementi che la costituiscono e qual è la sua impostazione pratica e non solo teorica. Inoltre, tramite l'analisi della disciplina, ho cercato di comprendere in quale "momento" devono essere applicate le tecniche e, di riflesso, quali e quante sono, al di là del comune colloquio di lavoro, che è sicuramente la tecnica più conosciuta dalla maggioranza delle persone. La tesi è suddivisa in due parti: la prima a carattere generale, la seconda a carattere tecnico e la terza verte sulla ricerca sperimentale.
Unitariamente al mio interesse verso la comprensione della selezione del personale in generale e delle tecniche selettive in particolare, ho voluto anche fare un'analisi "sul campo" per accertarmi di persona di come vengono nella pratica utilizzate le tecniche selettive nelle aziende, Per fare questo ho rivolto la mia attenzione a un territorio specifico dell'Emilia.

Mostra/Nascondi contenuto.
1 Introduzione. Tutti noi abbiamo certamente più di un’esperienza diretta di selezione in generale, o di colloquio di lavoro, durante il quale la persona che ci sta di fronte, tramite tutta una serie di domande, una prova pratica oppure un test, mira a “conoscerci” in quanto persona, a valutare il nostro modo di essere e a capire quali sono le nostre conoscenze o abilità, per poi decidere se siamo o no idonei per svolgere un certo tipo di lavoro. Quello che però mi fa più riflettere quando si parla di selezione del personale è il fatto che tutte le esperienze ad essa collegate, sia personali e sia di molti conoscenti, sono tutte le une diverse dalle altre: c’è chi fa un colloquio di dieci minuti, chi invece sottopone i soggetti esaminati a più prove, anche di diverse ore, con test diversi oppure chi fa solo un colloquio veloce telefonico. Insomma, nella pratica non esiste un modo univoco da adottare per condurre una selezione, come non esiste una sola tecnica da utilizzare. L’interesse grazie al quale ha preso le mosse la mia tesi di laurea è sostanzialmente quello di capire che cos’è la selezione del personale, quali sono i suoi scopi principali, gli elementi che la costituiscono e qual è la sua impostazione pratica e non solo teorica. Inoltre, tramite l’analisi della disciplina, ho cercato di comprendere in quale “momento” devono essere applicate le tecniche e, di riflesso, quali e quante sono, al di là del comune colloquio di lavoro, che è sicuramente la tecnica più conosciuta dalla maggioranza delle persone. Unitariamente al mio interesse verso la comprensione della selezione del personale in generale e delle tecniche selettive in particolare, ho voluto anche fare un’analisi “sul campo” per accertarmi di persona di come vengono nella pratica utilizzate le tecniche selettive nelle aziende. Per fare questo ho rivolto la mia attenzione a un territorio specifico dell’Emilia, delimitandolo geograficamente secondo il mio interesse personale, nel quale ho contattato direttamente le cooperative sociali che vi lavorano e ad ognuna delle quali ho somministrato un questionario specificatamente dedicato a rilevare le tecniche di selezione da loro usate. Essendo la selezione del personale un ambito molto esteso, per permettere anche una certa chiarezza negli argomenti trattati ho suddiviso la presente tesi di laurea in tre parti:

Laurea liv.II (specialistica)

Facoltà: Scienze della Formazione

Autore: Erika Milani Contatta »

Composta da 190 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1070 click dal 24/10/2014.

 

Consultata integralmente una volta.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.