Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il calcio in Tv: da media event a media

Le trasformazioni che il calcio televisivo ha subito negli ultimi decenni: da grande cerimonia mediale a evento stesso di comunicazione tout court. Oggi le società di calcio, grazie soprattutto ai proventi dei diritti televisivi (in chiaro e pay), sono diventate a tutti gli effetti aziende che realizzano profitto e che si rivolgono al pubblico attraverso forme molteplici di comunicazione: dalla partita live alla pubblicazione specializzata, dal merchandising alla gestione diretta dello stadio, dal sito internet al canale tematico, il tutto con l'obiettivo pressante della quotazione in Borsa.

Mostra/Nascondi contenuto.
4 INTRODUZIONE Sole sul tetto dei palazzi in costruzione, sole che batte sul campo di pallone e terra e polvere che tira vento e poi magari piove. Nino cammina che sembra un uomo, con le scarpette di gomma dura, dodici anni e il cuore pieno di paura… Francesco De Gregori, “La leva calcistica della classe ‘68”. Negli annali del calcio di lui non c’è traccia; nei grandi club nemmeno l’ombra. Schiere di esperti e di investigatori privati si chiedono, esausti, dove sia andato a finire. Eppure, il suo talento sembrava indiscusso, la sua passione sincera e quel rigore, che tanto lo agitava al cospetto del portiere, pare l’avesse segnato, regalando la vittoria alla propria squadra. Cercare di rintracciarlo significherebbe setacciare tutti i campetti di periferia della Penisola e quegli oratori che ospitano, imperterriti, ragazzini di ogni età e ceto sociale, accomunati dal fascino insostituibile di tacchetti e palloni. Grave errore non aver affidato le proprie sorti e la propria bravura ad un procuratore, magari cinico ed irritante, ma di certo abile nel curarne gli interessi e l’immagine. Oggi, se l’anagrafe (anche discografica) non inganna, Nino avrebbe 32 anni e, per lui, la carriera di calciatore sarebbe probabilmente conclusa già da tempo, tristemente costretto ad appendere le scarpe al chiodo e ad assistere, quasi paralizzato, al calcio in televisione. Questa tesi va alla ricerca di Nino e di quanti come lui, ragazzini o adulti, calciatori o tifosi, faticano a trovare posto nel calcio del nuovo millennio, un calcio totalmente nuovo, che ha seppellito definitivamente, ma non ancora con sufficiente chiarezza, il dilettantismo e le sue origini decoubertiniane.

Tesi di Laurea

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Wanda Tappi Contatta »

Composta da 218 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 8513 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 19 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.