Skip to content

L’inquinamento da idrocarburi e la protezione dell'ambiente marino: il caso Exxon Valdez

Informazioni tesi

  Autore: Luca De Girolamo
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2008-09
  Università: Università degli Studi di Torino
  Facoltà: Scienze Politiche
  Corso: Scienze politiche e delle relazioni internazionali
  Relatore: Egidio Dansero
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 66

Il presente lavoro é mirato ad analizzare dal punto di vista degli impatti ecologici, sociali ed economici uno dei maggiori disastri petroliferi della storia, nonché il più famoso, l'incidente della Exxon Valdez avvenuto nello stretto di Prince William Sound in Alaska nel 1989.

Con un'analisi politico-geografica degli effetti diretti d'intossicazione dei danni da petrolio sull'ecosistema e fauna aleutina, molti rilevati anche decenni dopo l'incidente, e riflessioni di carattere sociale/economico dell'incidente petrolifero sulle comunità d'indigeni che vivevano nel golfo, la tesi vuole evidenziare l'impatto dell'inquinamento da idrocarburi in mare, e contestualmente sottolineare l'aumento delle misure di protezione dell'ambiente marino dagli sversamenti da petrolio (oil spills) che sono state implementate e migliorate a partire da questo disastro che ha fatto scuola per i tanti errori commessi nelle varie fasi di gestione dell'incidente.

Dopo il disastro della Exxon Valdez, molte e nuove misure sono entrate a far parte della legislazione futura americana sulla navigazione marina, fino ai recenti piani e accordi di protezione internazionale attuati nel Mediterraneo, ancora oggi una delle aree più a rischio per inquinamento da idrocarburi.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
4 Premessa 1. The Exxon Valdez Oil Spill Siamo in Alaska, stretto di Prince William, 80 km a sud- est di Anchorage, sono le ore 9:12 di sera del 24 marzo 1989 e la superpetroliera Exxon Valdez, di proprietà della società petrolifera Exxon Mobil, si appresta a lasciare il terminal di Valdez per compiere un altro dei suoi viaggi quotidiani all’insegna del trasporto di una delle sostanze più nere presenti sul nostro pianeta: il petrolio. La nave lascia la normale rotta marittima per evitare un gruppo di iceberg che in questa parte della stagione galleggia allegramente vicino alla zona del Columbia Glacier, per dirigersi verso le scogliere semi-sommerse di Bligh Reef. Il Capitano della nave, Joseph Hazelwood, prima di ritirarsi nella sua cabina dà le ultime disposizioni al suo equipaggio, lasciando al timone un ufficiale privo delle qualifiche necessarie per pilotare un “gigante del mare”, lungo circa trecento metri e largo cinquanta con un peso di circa 300 tonnellate. È Mezzanotte, la nave fuori dalla normale rotta dello stretto urta gli scogli di Bligh Reef, i compartimenti della chiglia si rompono riversando in mare circa 40 milioni di litri di greggio: é il più grande incidente in termini di petrolio riversato in acque americane, nella storia degli U.S.A. Quattro ore dopo l’incidente della Exxon Valdez, il capitano che al momento della collisione non era sul ponte, era già sospettato dalla Guardia Costiera di essere sotto l’effetto dell'alcool. Si consuma così, in una fredda notte di primavera, il più grande disastro ecologico della storia americana in una delle terre più incontaminate e selvagge del nostro pianeta. Con le sue mille miglia di coste frastagliate il Prince William Sound offre rifugio ad una quantità innumerevole di lontre, salmoni, foche, leoni marini balene grigie, megattere, orche e uccelli marini guadagnandosi così nell’immaginario collettivo dei nativi americani e dell’America in generale, l’appellativo di “The Last Frontier”, cioè ultima frontiera incontaminata quale sede di acque pulitissime, che non è stata ancora trasformata dallo sviluppo urbanistico–costiero. Tuttavia questa visione paradisiaca del luogo nasce in realtà da una vecchia ambivalenza del pensiero americano che, se da una parte dipinge l’Alaska quale luogo mitico per il turismo con i suoi ghiacciai, le montagne innevate e le coste frastagliate, dall’altra nasconde la parte industrializzata, che sfrutta il territorio per le sue abbondanti risorse naturali, minerarie e

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

exxon valdez
oil spill
protezione ambiente marino
inquinamento marino
disastri petroliferi
alaska - prince william sound
marpol - normativa internazionale sul mare
impatto ambientale e sociale degli spill
misure di clean-up (pulitura spiagge da petrolio)
effetti ambientali / economici da idrocarburi

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi