Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Applicazione di alcune disuguaglianze all'andamento di funzioni finanziarie e attuariali

Nello studio dell’andamento delle più importanti quantità finanziarie e attuariali, in funzione delle diverse variabili da cui dipendono, è necessario possedere diverse informazioni. Più precisamente può essere sufficiente sapere se la funzione è crescente o decrescente, talora è anche necessario conoscere se essa è concava o convessa. Talvolta, anche la conoscenza del segno, o di particolari relazioni riguardanti le derivate d’ordine successivo, può essere utile, soprattutto se intervengono degli sviluppi in serie. In certi casi, il risultato è intuitivo o immediato, altre volte, invece, non è possibile giungere a conclusioni generali. Connesso con il precedente, è il problema di stabilire dei valori approssimati in sostituzione di quelli esatti di calcolo che, per alcune quantità risultano troppo laboriosi. Caratteristica del lavoro è il frequente uso nelle dimostrazioni di notevoli proprietà dei vari tipi di medie, semplici o ponderate che conducono a disuguaglianze notevoli. L’importanza di tale studio è notevole, sia per le applicazioni teoriche che pratiche, come per esempio, la determinazione approssimata del tasso di interesse o la influenza del tasso tecnico sui premi di assicurazione e sulle riserve.

Mostra/Nascondi contenuto.
6 INTRODUZIONE Nello studio dell’andamento delle più importanti quantità finanziarie e attuariali, in funzione delle diverse variabili da cui dipendono, è necessario possedere diverse informazioni. Più precisamente può essere sufficiente sapere se la funzione è crescente o decrescente, talora è anche necessario conoscere se essa è concava o convessa. Talvolta, anche la conoscenza del segno, o di particolari relazioni riguardanti le derivate d’ordine successivo, può essere utile, soprattutto se intervengono degli sviluppi in serie. In certi casi, il risultato è intuitivo o immediato, altre volte, invece, non è possibile giungere a conclusioni generali. Connesso con il precedente, è il problema di stabilire dei valori approssimati in sostituzione di quelli esatti di calcolo che, per alcune quantità risultano troppo laboriosi. Caratteristica del lavoro è il frequente uso nelle dimostrazioni di notevoli proprietà dei vari tipi di medie, semplici o ponderate che conducono a disuguaglianze notevoli. L’importanza di tale studio è notevole, sia per le applicazioni teoriche che pratiche, come per esempio, la determinazione approssimata del tasso di interesse o la influenza del tasso tecnico sui premi di assicurazione e sulle riserve.

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Paolo Cadamuro Contatta »

Composta da 146 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 758 click dal 20/03/2004.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.