Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La teoria delle intelligenze multiple. Aspetti concettuali e riscontri nella pratica scolastica

Howard Gardner è un professore universitario americano, ha scritto alcuni importanti testi di psicologia dell'educazione ed è famoso in tutto il mondo per aver elaborato la c.d. "teoria delle intelligenze multiple".

Gardner critica la vecchia concezione in base alla quale l'intelligenza debba essere considerata come un fattore unitario misurabile tramite il c.d. Quoziente d'Intelligenza (Q.I.).

La prima versione di tali test venne messa appunto da uno psicologo di Stanford di nome Lewis Terman, e utilizzata con grande successo durante la prima guerra mondiale per classificare l'intelligenza e le abilità di circa due milioni di americani.

Questo ha portato al predominio di quella che G. chiama mentalità da QI, la convinzione cioè che le persone possano essere classificate in due categorie, intelligenti e non intelligenti.

Nel suo libro Forma mentis Gardner critica la mentalitàdaQI e sostiene che esistono diverse intelligenzeo abilità, afferma che ne esistono almeno otto tipi e che ogni persona ne possiede almeno sette. Secondo tale teoria tutte le persone possono sviluppare le varie abilità o intelligenze se messe in determinate condizioni di incoraggiamento e istruzione.

Le intelligenze descritte da Gardner sono:
• intelligenza linguistico – verbale;
• intelligenza Logico Matematica;
• intelligenza visivo – spaziale;
• intelligenza ritmico – musicale;
• intelligenza corporeo – cinestetica;
• intelligenza naturalistica;
• intelligenza interpersonale;
• intelligenza intrapersonale.

Tali intelligenze verranno ampiamente spiegate all'interno della tesi, con l'aggiunta di esempi.

G. afferma in un'intervista: "Se noi tutti avessimo lo stesso tipo di mente e se ci fosse un solo tipo di intelligenza, potremmo insegnare a tutti le stesse cose nella stessa maniera e valutarli nello stesso modo e tutto ciò sarebbe giusto così.

Ma una volta che abbiamo scoperto che le persone hanno menti differenti, abilità differenti, che alcuni sono bravi nel pensare in modo spaziale, altri nell'imparare le lingue, altri ancora hanno bisogno di provare fisicamente a fare le cose, esplorandole attivamente per capire come funzionano…comprendendo ciò, allora ci rendiamo conto che il modo di insegnare che tratta tutti alla stessa maniera è decisamente il tipo di educazione più ingiusto."

Proprio partendo da questo presupposto è stato avviato il progetto Spectrum che aveva come obiettivo quello di individuare i vari tipi di intelligenze presenti nei bambini, attraverso la modifica delle loro normali attività curricolari e con l'inserimento di attività e metodi di lavoro che evidenziassero il diverso modo di porsi di fronte ai problemi.

Mostra/Nascondi contenuto.
4 INTRODUZIONE “Stiamo cercando di creare un mondo di persone e di oggetti che aiuti a svelare i punti di forza propri dei bambini” Howard Gardner La tematica che verrà trattata nei capitoli successivi fornirà una panoramica generale della Teoria delle Intelligenze Multiple, partendo dall’origine della sua elaborazione da parte di Howard Gardner, si esaminerà la sua serrata critica dei tests sul Quoziente Intellettivo, passando per l’analisi di uno dei suoi progetti più importanti il Project Spectrum, fino ad arrivare a presentare alcune sperimentazioni svoltesi in Italia, che hanno come comune ispirazione la Teoria delle intelligenze multiple. Il primo capitolo sarà incentrato sulla vita professionale di Howard Gardner, psicologo americano dell’età evolutiva, il quale partendo dallo studio dell’evoluzione del cervello e sulla base di un’accurata ricerca neurologica, di tests psicologici, di attività evolutive con i bambini e grazie a diversi studi interdisciplinari si convince che non esiste un’unica intelligenza, con la quale si nasce e si convive tutta la vita. Sarà analizzata la sua carriera professionale, durante la quale lui e i suoi colleghi hanno lavorato sulla valutazione basata sulle prestazioni, sull'educazione al comprendere e sull'uso delle intelligenze multiple, con la finalità di costruire curricoli, forme di insegnamento e di valutazione più personalizzati.

Laurea liv.I

Facoltà: Scienze dell'Educazione

Autore: Fabiola Mazzotta Contatta »

Composta da 84 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 5578 click dal 14/11/2014.

 

Consultata integralmente 8 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.