Skip to content

L'emigrazione transoceanica verso l'America Latina. Aspetti del fenomeno dal Comune di Seravezza in Versilia dal 1884 al 1915

Informazioni tesi

  Autore: Federico Tognocchi
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 1999-00
  Università: Università degli Studi di Pisa
  Facoltà: Scienze Politiche
  Corso: Scienze Politiche
  Relatore: Maurizio Vernassa
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 129

La tesi si suddivide in due parti: la prima, che comprende i primi quattro capitoli, è compilativa, mentre la seconda, incentrata nel quinto, è interamente di ricerca.
Nei primi due capitoli è evidenziato lo studio dell’emigrazione dal punto di vista della società italiana. Nel primo, oltre all’aspetto numerico e alle cause, è trattato il fenomeno nella sua globalità dalla scoperta dell’America agli anni ’70 del 1900; nel secondo, invece, è messo in primo piano il dibattito politico sul problema dell’emigrazione dall’unità nazionale alla prima guerra mondiale. La giovane e arretrata Italia, attraversata dalle idee liberali che contrastavano con i forti interessi della classe agraria, voleva, a tutti i costi, entrare nel circolo delle grandi potenze del tempo per mezzo di conquiste militari in Africa. Tuttavia, le sconfitte subite, ma soprattutto l’aumento dell’insofferenza sociale dovuta alla povertà, spinsero i nostri politici ad abbandonare l’avventura africana favorendo invece un’emigrazione tutelata e assistita oltreoceano. Nel capitolo sono inoltre evidenziate le condizioni sociali ed economiche degli italiani, le ingenti rimesse che contribuirono, senza dubbio, allo sviluppo industriale dei primi anni del Novecento, il ruolo di “eccitamento” che assunsero gli agenti di emigrazione e la posizione della Chiesa Cattolica, non solo condizionata da una fervente cristianità ma anche da forti ideologie politiche.
Nel terzo capitolo il fenomeno è analizzato dall’angolatura opposta, e cioè da quella dei paesi dell’America Latina che ospitarono in maggior numero gli immigranti italiani: Argentina, Brasile e Uruguay. Il necessario popolamento di quelle terre per stabilire politicamente, ed in maniera definitiva, i confini e per sviluppare le nascenti monocolture fu voluto da quei politici, e al tempo stesso anche latifondisti, che seppero equilibrare il loro bisogno con la nostra offerta di manodopera. L’immigrato, europeo o asiatico che fosse, non sempre ebbe la fortuna di migliorare la propria condizione sociale visto che, in numerosi casi e per volontà dei grandi proprietari, si sostituì al lavoro e alla vita dello schiavo che, a tappe, nel XIX secolo, ottenne la libertà in tutto il subcontinente americano.
Il contenuto del quarto capitolo rimbalza nuovamente in Italia e più precisamente nella Lucchesia, la provincia toscana con più emigrazione e tra le prime a livello nazionale. Sono evidenziate le direzioni che scelsero gli emigranti lucchesi in tempi diversi e le loro caratteristiche, centrate, quasi esclusivamente, nella produzione e nella vendita ambulante di statuine di gesso, nella creazione e sviluppo di punti vendita di qualsiasi prodotto nei nuovi paesi e nel risparmio.
La fine del capitolo, in cui ho analizzato le caratteristiche di alcuni comuni della provincia di Lucca, è di introduzione al quinto, dedicato interamente alla ricerca che ho concluso nell’archivio storico del Comune di Seravezza che, da un punto di vista amministrativo, è posizionato nella cosiddetta “Versilia del Nord”. La storia emigratoria del Comune, collegata alla Prefettura di Lucca da numerosi rapporti amministrativi, riprende alcuni aspetti del fenomeno analizzati nei capitoli precedenti; le condizioni economiche di chi partiva si sono incrociate con i problemi dei paesi latinoamericani, con i numerosi consigli e limitazioni dello Stato italiano e con la presenza di agenti, subagenti e rappresentanti di vettori nel territorio comunale che favorivano sia l’emigrazione legale, sia quella clandestina.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
I Introduzione L’esigenza di condurre una ricerca sull’emigrazione dell’area versiliese è nata dal fatto che la provincia di Lucca, insieme a quella di Massa-Carrara, ha contribuito in maniera sostanziale al fenomeno benché la Toscana, per cifre emigratorie, non possa essere paragonata alle regioni meridionali, alla Lombardia o al Veneto. L’obiettivo della ricerca è, naturalmente, quello di rendere noto il fenomeno, nel suo insieme, nel periodo a cavallo tra il XIX e il XX secolo, con maggior riferimento alla Lucchesia ed in particolare all’area versiliese dove gli studi sono stati veramente pochi. L’area è stata studiata non solo sotto l’aspetto quantitativo del fenomeno ed, infatti, oltre ai numeri e alle percentuali, ciò che ne esce è anche un profilo generale dell’emigrazione sotto gli aspetti politico, sociale ed economico; da quest’ultimo punto di vista, senza dubbio, gli emigranti e le loro rimesse contribuirono allo sviluppo industriale italiano, facendo unire quella che è la storia economica con quella demografica. L’emigrazione può anche essere vista, secondo l’aspetto politico, come una grande industria, con tanti piccoli operai in continuo movimento per la loro stessa esistenza, al servizio di una classe di politicanti dediti unicamente al prestigio dei loro interessi che sono passati, nel corso degli anni, da un protezionismo, direi “agrario”, ad un colonialismo prima armato e con mire africane e poi innocuo, ma allo stesso tempo prolifico, e diretto oltreoceano. L’aspetto sociale ha, infatti, evidenziato il popolamento di numerose regioni da parte degli italiani che contribuirono al consolidamento di stati come l’Argentina, il Brasile e l’Uruguay ancor meno giovani dell’Italia. E se è vero che è la gente che fa la storia, questi emigranti, tutti insieme, ne hanno scritto una bella parte; milioni di persone comuni dirette verso un futuro incerto e verso paesi che

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

emigrazione
seravezza
emigrazione italiana
storia d'italia
storia contemporanea
emigranti in argentina
storia dell'america latina
emigranti in brasile
emigranti in uruguay

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi