Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La pianificazione generale nel modello polifasico

E' una tesi che è volta a far luce sul procedimento di formazione del piano urbanistico generale comunale. Un primo capitolo interessa la pianificazione in generale, il secondo interessa l'excursus storico dell'atto complesso dalla l. 1150/42 fino ai giorni nostri, facendo luce sulle diverse riforme regionali avutesi a partire dalla seconda metà degli anni '90 fino a oggi, il terzo capitolo interessa il modello pugliese, sia per come lo ha pensato il legislatore sia per com'è oggi allo stato dei fatti.

Mostra/Nascondi contenuto.
3 CAPITOLO I LA PIANIFICAZIONE URBANISTICA NEL SISTEMA DELLE PIANIFICAZIONI SOMMARIO: 1. Principio di pianificazione e modelli di piano – 2. Le teorie sull’elemento caratterizzante della pianificazione 1. Principio di pianificazione e modelli di piano In linea di principio, pianificazione vuol dire avviare un percorso di individuazione di obiettivi rispetto ai quali si assumono delle scelte per realizzarli; così intesa, la pianificazione è una prassi perseguibile a ogni livello e a ogni scala della vita umana. 1 Pianificazione, come dice la parola stessa, vuol dire formare un piano, individuare le risorse, i tempi, gli spazi e le modalità per la realizzazione. Il piano si pone a metà tra una previsione generale e preventiva e il provvedere concretamente caso per caso. 2 Il piano è lo strumento giuridico che fissa i rapporti tra diritti, poteri, interessi in modo che il complesso di situazioni preso in considerazione abbia un assetto; la pianificazione è un’attività: azione che dà assetto a rapporti fra diritti, poteri, interessi secondo una forma complessiva. Il primo è un “ordine ordinato”, la seconda è un “ordine ordinante” in una società pluralistica dove vi è un sistema di interessi soggettivi e di poteri. 3 Per i soggetti pubblici l’attività di pianificazione ha un’importanza vitale in quanto è una delle tecniche fondamentali della loro azione. Occorre tener presente che, quando la pianificazione opera in ambito 1 Cfr. G. GIOIOSO (a cura di), La pianificazione strategica partecipata in Italia, Roma, Formez, 2006, pag. 19 2 In tal senso P. L. PORTALURI, Il Principio della pianificazione, in www.giustizia- amministrativa.it. 3 Cfr. F. SPANGATI, Camminare sulle acque, in F. PUGLIESE – E. FERRARI (a cura di), Presente e futuro della pianificazione urbanistica, Milano, Giuffrè, pagg. 196 – 197.

Tesi di Laurea Magistrale

Facoltà: Giurisprudenza

Autore: Angelo Petrachi Contatta »

Composta da 126 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 169 click dal 10/11/2014.

 

Consultata integralmente una volta.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.