Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Impatto economico nel lungo periodo delle manifestazioni sportive organizzate dal Brasile

La mia analisi sotto il profilo Economico dei Mondiali e delle Olimpiadi assegnati al Brasile parte dalle polemiche e le contestazioni sorte nel paese Sud Americano sin dai primi giorni dopo la decisione della Fifa e del Cio di affidare al Brasile l’organizzazione di queste grandi manifestazioni sportive.
Una raccolta di tutti i dubbi sorte prima e dopo l’organizzazione del Mondiale sono intrinseche nelle dichiarazioni di Padre Renato, un prete, che come molti, ha denunciato al mondo quello che è accaduto e stava per accadere in Brasile.
Tra i passaggi più importanti nell’ intervista che ho trascritto nella mia tesi di Padre Renato molto importanti sono le denuncia ad una manifestazione "di elite", destinata ad una ristretta cerchia di persone, sia per quanto riguarda la visione delle partite in sé ma soprattutto per quanto riguarda i benefici economici che questa porta.

Mostra/Nascondi contenuto.
24 Capitolo II: I Mondiali di Calcio e le Olimpiadi Moderne Introduzione Ora la mia analisi si baserà sul confronto dell’ impatto economico sui paesi che hanno ospitato i mondiali e le olimpiadi della cosiddetta “età moderna”. Il mio studio ha preso in considerazione i mondiali di USA 1994,Francia 1998 ,Giappone e Corea del Sud 2002,unico mondiale ospitato da due paesi differenti,Germania 2006 e Sud Africa 2010 e naturalmente, i mondiali del 1990 tenutosi in Italia . Per quanto riguarda le olimpiadi estive ho analizzato le edizioni di Barcellona 1992,Atlanta 1996,Sidney 2000,Atene 2004,Pechino 2008 e l’ ultima edizione tenutasi a Londra nel 2012. 2.1 Perché ospitare un Mondiale di calcio Inizio a illustrare l’ andamento socio economico dei paesi che hanno ospitato negli ultimi anni le edizioni della FIFA World Cup. Come abbiamo potuto intuire dal capitolo precedente il motivo per cui sempre più paesi sono intenzionati ad ospitare un grande evento sportivo internazionale come il Mondiale di calcio, sono di natura economica e mediatica,accogliere un tale evento assicura non soltanto entusiasmo ed una forte esposizione mediatica, ma crea, soprattutto, l’aspettativa di un ritorno positivo in termini di investimenti economici. Gli obiettivi che in genere vengono perseguiti da una candidatura per un Mondiale di calcio possono essere ricondotti a: -Un impatto economico positivo in termini di presenze di turisti durante l’evento, che potenzialmente potrebbe permettere il miglioramento generale turistico del paese; -Aumento del flusso di risorse economiche indirizzate verso il paese e le singole città, in grado di rigenerarle e migliorarne la situazione infrastrutturale; - Evidenti benefici intangibili come l’ aumento dell’orgoglio nazionale e della coesione sociale; - Esposizione mediatica positiva: un elemento utile soprattutto a paesi in via di sviluppo che hanno la necessità di migliorare la propria immagine a causa di pregiudizi politici e sociali. Da questo elenco possiamo immaginare cosa abbia spinto il Brasile e tutti i paesi che hanno organizzato i mondiali nelle precedenti edizioni ad instaurare un sacrificio così grande di denaro ,mezzi e risorse umane.

Laurea liv.I

Facoltà: Economia

Autore: Andrea Nasti Contatta »

Composta da 82 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 532 click dal 20/01/2015.

 

Consultata integralmente 2 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.