Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il federalismo fiscale in Italia. L'autonomia degli enti territoriali tra Patto di stabilità interno e decentramento incompiuto

Gli enti territoriali nel corso degli anni si sono trovati all'interno di un processo di cambiamento e di decisioni imposte da livelli superiori, che non hanno consentito un effettiva attuazione del modello istituzionale designato dalla riforma costituzionale del 2001 e dalla legge delega 42/2009. Si sono trovati in una situazione caratterizzata da vincoli europei e nazionali e da un mancato decentramento di autonomia finanziaria. Questi fattori hanno causato incertezza, inefficienze e un sistema di sovrapposizione di costi e funzioni. Inoltre questo sistema ha penalizzato per più anni gli enti più virtuosi non consentendogli di spendere le risorse raccolte sia a causa dei vincoli del Psi sia a causa di un sistema di trasferimenti volto all'accentramento delle entrate.
In sostanza i problemi sono sia interni sia esterni. I problemi interni derivano dal fatto che i principi cardine del federalismo fiscale quali autonomia di entrata e efficienza di spesa non si sono realizzati. Infatti il sistema di finanziamento degli enti territoriali non ha ancora raggiunto quella situazione in cui i trasferimenti vengono trasformati in effettiva autonomia di entrata e inoltre non si sono ancora definiti i costi e fabbisogni standard, necessari per l'efficienza. I problemi esterni invece riguardano fondamentalmente la crisi economico finanziaria e il peso del debito pubblico. Questi fattori hanno portato ad un inasprimento dei vincoli del Psi e a una serie di manovre con cui gli enti territoriali sono stati chiamati a contribuire al risanamento della finanza pubblica.
A questi problemi si aggiunge il fatto che gli orientamenti attuali sono volti ad un accentramento di risorse e competenze nella speranza di risoluzione dei problemi, soprattutto quello riguardante l'aumento di spesa pubblica. Tuttavia ciò che realmente servirebbe è un vero decentramento, una vera autonomia, che consentano allocazione efficiente di risorse e soprattutto una diminuzione del carico fiscale. Inoltre necessaria è l'aumento di misure di flessibilità all'interno del Patto di stabilità interno in modo tale da non frenare gli investimenti e l'autonomia.

Mostra/Nascondi contenuto.
INTRODUZIONE Ogni Stato ha un determinato modello di rapporto centro-periferia che distri- buisce competenze di spesa e competenze d'entrata, quindi tributarie, tra i diversi livelli di governo. Il federalismo fiscale in sostanza determina la politica dei rapporti finanziari tra i diversi livelli di governo, che a livello teorico può essere: centralista, in cui cioè gli enti de- centrati hanno funzioni minime e il centro controlla funzioni, servizi e fonti di finanzia- mento; regionale, in cui i territori hanno maggiori funzioni e autonomia parziale ma non hanno potestà tributaria; federale, in cui i territori sono Stati autonomi con potestà tributa- ria ma agiscono comunque secondo obiettivi comuni. In Italia prima della riforma del 2001 esisteva un modello regionale. Tale riforma ha trasformato l'assetto istituzionale avvicinan- dosi ad un modello federale; infatti alle Regioni è stata concessa potestà legislativa e pote- stà di istituire tributi propri. Il punto critico dell'assetto istituzionale così delineato dalla ri- forma del 2001 è che sulla carta gli enti territoriali sono dotati di ampie funzioni e autono- mia sia di spesa sia di entrata, in pratica invece l'autonomia di spesa è stata esercitata nel corso degli anni, causando anche un aumento esponenziale della spesa pubblica dovuto principalmente ad un sistema di finanziamento che non ha mai responsabilizzato gli enti territoriali e anche ad un mal governo dei territori, e l'autonomia di entrata non è mai stata esercitata. Il problema dell'autonomia di entrata è il problema maggiore del federalismo fi- scale in Italia. Infatti nel corso degli anni gli enti territoriali si sono trovati in una situazio- ne in cui i trasferimenti, quindi le risorse raccolte sul territorio e redistribuite dallo Stato centrale, hanno costituito un'alta percentuale delle fonti di finanziamento, non consentendo mai quindi un' appropriazione diretta del gettito del territorio e in cui le altre fonti di finan- ziamento (esclusi i tributi propri) sono state caratterizzate principalmente da addizionali e compartecipazioni a tributi erariali, quindi fondamentale da fonti vincolate. Questo manca- to coordinamento tra fonti di finanziamento, quindi autonomia di entrata, e autonomia di spesa ha causato una mancata responsabilità nella funzione allocativa, funzione propria de- gli enti decentrati. Quindi gli anni del federalismo fiscale in Italia sono stati caratterizzati principalmente da sprechi, inefficienze e da un sistema non improntato sulla virtuosità. Il capitolo primo di questo lavoro in particolare illustra le riforme essenziali dal 2001 ad oggi; riforme che tuttavia rimangono ancora sulla carta. Nella prima parte del capitolo ter- zo invece vengono illustrate le conseguenze che questo decentramento incompiuto ha cau- sato nei rapporti tra gli enti territoriali e in generale nella finanza pubblica. 1

Laurea liv.I

Facoltà: Economia

Autore: Francesco Marconi Contatta »

Composta da 86 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1576 click dal 14/11/2014.

 

Consultata integralmente 7 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.