Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Benito Mussolini e la politica economica italiana

Analisi della politica economica sociale svolta dal Governo italiano dal 1910 al 1945. Analisi del percorso storico e personale del Capo del Governo del Partito Fascista

Mostra/Nascondi contenuto.
4 1. Da Mussolini socialista alla nascita del primo fascismo 1.1 Il periodo scolastico Benito Mussolini nacque a Dovia, in Romagna, il 29 luglio 1883 da Alessandro e da Rosa Maltoni. Le sue origini erano “ piccolo borghesi ” e per la sua futura formazione particolarmente importante risulterà la figura paterna. Mussolini citerà più volte l’ideologia socialista trasmessagli dal padre ( in primo luogo il repubblicanesimo e l’anticlericalismo ) mirante all’anarchia attraverso la rivoluzione. Dopo i primi anni trascorsi a Dovia, nel 1892, per la sua irrequietezza, venne messo in collegio dai Salesiani a Faenza ( Alessandro fu in un primo momento contrario, poi si lasciò convincere dalle insistenze della moglie 1 ). Qui Mussolini trascorse un periodo difficile; passò da una assoluta libertà ad un sistema punitivo ed un trattamento personale fortemente discriminante, e ciò certo contribuì a cambiarne il carattere. Alla fine, sconforto, indisciplina e ribellione sfociarono nella violenza verso un compagno 2 . Per evitare danni maggiori i genitori lo iscrissero in un altro collegio a Forlimpopoli dove rimase dal 1894 al 1901 completando il ciclo di studi con il conseguimento della licenza d’onore. Tali anni influirono molto sulla formazione della sua personalità: una disciplina meno oppressiva di quella imposta negli anni trascorsi dai salesiani migliorò il suo carattere, che non gli procurava molte amicizie ma lo rendeva importante tra i suoi coetanei, senza perdere però alcune delle sue peculiarità che anche in futuro si sarebbero manifestate: in primo luogo un connubio di timida irruenza, di sfrontato orgoglio e di buon senso. In genere, il rendimento scolastico di Mussolini fu abbastanza buono ed in crescendo, benché più di una volta dovette riparare qualche materia 3 . 1 DE FELICE R., Mussolini il rivoluzionario, Torino, Einaudi, 1995, p. 11. 2 Ibidem, p. 12. 3 Ibidem, p. 13.

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Andrea Certusi Contatta »

Composta da 235 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 24015 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 30 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.