Skip to content

Il regime tributario del trust in Italia.

Informazioni tesi

  Autore: Enrico Roman
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 2013-14
  Università: Università degli Studi Ca' Foscari di Venezia
  Facoltà: Economia
  Corso: Economia e Commercio
  Relatore: Loris  Tosi
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 171

Il legislatore fiscale italiano con due interventi normativi , ovvero il Decreto Legge 262/2006 e la circolare 48/E del 6 agosto 2007, ha introdotto nell’ordinamento giuridico italiano una disciplina fiscale del trust; ragion per cui oggi, mentre dal punto di vista civilistico manca ancora una normativa di riferimento, da quello fiscale si può parlare di un “regime tributario del trust in Italia”. La tesi, suddivisa in tre capitoli, delinea nel primo di essi le origini storiche del trust, nonché i profili di compatibilità con l’ordinamento italiano. Nel dettaglio si vuole mettere in evidenza da un lato il polimorfismo strutturale del trust, dall’altro la sua non assimilabilità-originalità rispetto agli istituti giuridici similari presenti nel nostro ordinamento. Il secondo capitolo, cuore della tesi, esamina i profili tributari del trust nell’imposizione diretta. Si esamina la tassazione ante e post finanziaria del 2007 : il nuovo art. 73 TUIR, la commercialità, la residenza, i fenomeni elusivi, la disciplina CFC . Nel, terzo ed ultimo capitolo, viene affrontata la tassazione indiretta ovvero l’imposta di successione e donazione, l’imposta di registro e l’imposta sul valore aggiunto.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
1    INTRODUZIONE   Nell’ordinamento giuridico italiano l’istituto del trust ha conosciuto un’attenzione crescente in esito alla ratifica della Convenzione dell’Aia che è stata resa esecutiva in Italia con la legge 16 ottobre 1989, n. 364, entrata in vigore in data 1 gennaio 1992. Come si vedrà più analiticamente nel corso della presente trattazione il trust è uno strumento molto flessibile sotto il profilo operativo, capace da un lato di rispondere alla domanda di strumenti giuridici nuovi che emerge dal contesto economico finanziario, dall’altro di superare i limiti degli istituti giuridici tradizionali dell’ordinamento italiano. Le ritrosie verso tale istituto sia in quanto il trust si fonda su un concetto di proprietà diverso rispetto a quello conosciuto nei paesi di civil law, sia per la mancanza di una disciplina fiscale “ad hoc” sono state superate con l’art.1, comma 74 della legge Finanziaria per il 2007. Con la menzionata legge è stata riconosciuta al trust la soggettività tributaria, elencandolo tra i soggetti passivi dell’imposta sul reddito delle società ex art. 73 D.P.R. 1986, n. 917, pur se a tutt’oggi non vi è una disciplina civilistica interna. Secondariamente, sono state introdotte alcune specifiche disposizioni antielusive per la determinazione della residenza fiscale di trust istituiti in Paesi che non prevedono uno scambio di informazioni. Non sono mancati dubbi e perplessità tra gli operatori giuridici che lamentavano le scarne disposizioni legislative e la difficoltà nel pervenire a una disciplina unitaria del fenomeno. L’Amministrazione finanziaria, a riprova del fatto che il trust non rappresenta più un oggetto misterioso nel nostro sistema fiscale, è intervenuta integrando la disciplina normativa con la Circolare n. 48/E del 6 agosto 2007 e con la Circolare n. 3/E del 22 gennaio 2008 dove ha disciplinato dal punto di vista fiscale la materia delle imposte sui redditi e delle imposte indirette del trust. Un ulteriore recente intervento, che ribadisce la costante attenzione dell’Agenzia delle entrate all’istituto in esame, è ravvisabile nella Circolare n.18/E del 29 maggio 2013 in tema di imposte di registro. Questa ricerca si occupa, senza pretesa di esaustività, di delineare il regime tributario del trust in Italia. Nel primo capitolo, dopo una breve premessa sulle origini storico-giuridiche dell’istituto, la maggior parte della trattazione si incentra sulla compatibilità di tale figura con l’ordinamento italiano, attraverso l’analisi delle fonti giuridiche più importanti, a partire dalla Convenzione dell’Aja, e delle principali analogie e differenze con altri istituti che sono tipici dell’ordinamento civilistico italiano.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

regime tributario trust
fiscalita' del trust
trust e imposte dirette
trust e imposte indirette

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi