Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Dalla Strenna all'Ebook. Nuove strategie di marketing per il giornalismo

La ricerca ricostruisce il percorso delle stretegie di marketing utilizzate da editori e tipografi nel corso della storia sino ad arrivare alla recente frontiera del libro elettronico.

Mostra/Nascondi contenuto.
5 INTRODUZIONE Il lavoro di ricerca proposto in questa sede tratta l’argomento Ebook dal punto di vista delle possibili applicazioni in ambito giornalistico. È evidente che nel panorama dei media sia in corso un cambiamento: basta scorrere i siti dei principali quotidiani italiani per accorgersi che i libri elettronici ormai rientrano tra i prodotti che gli editori prediligono proporre al proprio pubblico. Pubblicizzare titoli di Ebook accanto al nome della testata è divenuta una strategia di marketing sempre più diffusa, grazie ai molteplici vantaggi: bassi costi, costanti aggiornamenti, praticità e velocità, che confluiscono perfettamente nel formato del libro elettronico, ma dietro questa nuova tecnologia si cela molto di più. I quotidiani puntano spesso sulle firme più qualificate con lo scopo di incentivare il brand e promuovere libri elettronici che soddisfano le aspettative del pubblico. I giornalisti non si limitano a proporre reportage, ma l’intero risultato di un’inchiesta: in questo modo l’Ebook, in un Paese che sta affrontando la crisi economica come l’Italia e dove le popolazioni trasmigrano, appaga al meglio la curiosità dei lettori. Il lavoro proposto è di tipo comparativo poiché, inaspettatamente, nel corso dell’anno si è concretizzata l’occasione per svolgere un tirocinio all’estero, durante il quale è stato possibile effettuare una proficua ricerca nell’ambito della tesi. Grazie a questa esperienza è emerso un confronto tra due contesti europei che storicamente si approcciano all’universo della lettura in modo decisamente differente. Da una parte l’Italia, dove il numero di lettori di libri e giornali è sempre molto basso rispetto alla media europea, dall’altra la Svezia, dove il pubblico è storicamente legato alla lettura e il settore dell’editoria non è stato investito dalla crisi che sta mettendo in ginocchio gli editori nostrani. Questa comparazione è il frutto di un periodo di soggiorno di tre mesi a Stoccolma, nell’ambito del programma comunitario di mobilità studentesca Erasmus Placement,

Tesi di Laurea Magistrale

Facoltà: Scienze Politiche

Autore: Ludovica Brunamonti Contatta »

Composta da 181 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 339 click dal 03/12/2014.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.