Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

L'Airtraq, nuovo strumento per l'intubazione oro-tracheale

L’Airtraq ha già dimostrato di possedere un’elevata affidabilità. Le sue caratteristiche principali sono l’efficacia, la ridotta curva di apprendimento, la facilità d’uso e la versatilità, che garantiscono nelle diverse situazioni cliniche che l’anestesista deve affrontare in elezione e in urgenza. L’uso di questo nuovo laringoscopio potrebbe quindi diffondersi rapidamente alle sale operatorie, dove in elezione ha già dimostrato affidabilità nelle situazioni normali e nelle situazioni di difficoltà prevista e imprevista.
Tenuta in considerazione la ridotta stimolazione faringo-laringea dimostrata, che rende evitabile lo stress dovuto alla distorsione della normale anatomia delle vie aeree, si auspica l’uso soprattutto nell’intubazione per interventi di pazienti con malattia coronarica, sindrome coronarica acuta e tachiaritmie.
Non essendo necessario poi, per l’intubazione con l’Airtraq, l’allineamento degli assi orale, faringeo e laringeo, l’uso del curaro per l’intubazione diventa superfluo, e questo laringoscopio può essere indispensabile nell’intubazione per interventi in pazienti in cui l’uso di questo farmaco sarebbe da evitare (Chirurgia pediatrica; Neurochirurgia).

Mostra/Nascondi contenuto.
3 Capitolo 1. Introduzione Ad oggi è stato dimostrato sul manichino da Maharaj et altri che l’uso dell’Airtraq presenta una rapida curva di apprendimento rispetto alla Laringoscopia Diretta, sia per persone già addestrate all’uso del laringoscopio convenzionale, sia in persone che non mai utilizzato nessuno dei due strumenti. Maharaj et altri hanno successivamente dimostrato una maggiore persistenza della memoria dell’abilità pratica sviluppata per il corretto utilizzo dell’Airtraq, sia in situazioni normali, sia in condizioni di prevista difficoltà. Questo dimostra una maggiore facilità d’uso di questo nuovo strumento e può essere il presupposto affinché venga reso possibile un suo utilizzo soprattutto da parte di quel personale sanitario, anche paramedico, per il quale risulta più difficile esercitarsi frequentemente nella Laringoscopia Diretta e nell’Intubazione Tracheale. Gli stessi autori hanno dimostrato in un trial clinico randomizzato, una maggiore facilità d’uso, statisticamente significativa, dell’Airtraq rispetto al laringoscopio standard con lama di Macintosh. Questo parametro è stato valutato con l’Intubation Difficulty Score (IDS) sviluppato da Adnet et altri che si è dimostrato un valido aiuto nello stabilire la difficoltà d’intubazione verificatasi per ogni dato evento. In questo studio è stata evidenziata una

Tesi di Specializzazione/Perfezionamento

Autore: Umberto Marsecane Contatta »

Composta da 21 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 957 click dal 16/01/2015.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.