Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Italiano e camfranglais a contatto: aspetti sociolinguistici dell'immigrazione camerunense a Pavia

La ricerca che si presenta verte sulle dinamiche sociolinguistiche della comunità camerunense e, in particolare, sul fenomeno del contatto linguistico tra l'italiano e il camfranglais nel contesto universitario della città di Pavia.

Mostra/Nascondi contenuto.
3 1. INTRODUZIONE La ricerca che si presenta verte sulle dinamiche sociolinguistiche della comunità camerunense e, in particolare, sul fenomeno del contatto linguistico tra l'italiano e il camfranglais nel contesto universitario della città di Pavia. L'ambiente sempre più multiculturale e, di conseguenza, multilingue, ha fatto di questa cittadina universitaria un luogo di osservazione linguistica estremamente interessante, fatto testimoniato dal fiorire, negli ultimi decenni, di numerosi studi sociolinguistici, oltre che di importanti progetti volti a studiare l'apprendimento dell'italiano come lingua seconda per gli stranieri 1 . Come è noto, in ambito linguistico la presenza immigrata in Italia è stata inizialmente studiata soprattutto dal punto di vista dell'acquisizione dell'italiano come lingua seconda e dell'integrazione (Giacalone Ramat 2003), mentre assai minore attenzione è stata dedicata al fenomeno di contatto tra la lingua italiana e le lingue immigrate (Bagna et al., 2003). A questo proposito, Bagna, Machetti e Vedovelli (2003) operano una distinzione tra le lingue dei migranti e le lingue immigrate, vedendo nelle prime le lingue che, così come arrivano sul territorio italiano, se ne vanno assieme ai loro parlanti senza lasciare traccia, mentre, nelle seconde, quelle lingue capaci di lasciare un segno nel sistema linguistico ospitante. Quello che si cerca di analizzare in questo lavoro è un caso esemplare di lingua immigrata: il camfranglais, una varietà urbana parlata in Camerun, composta dal francese, dall'inglese, dal Pidgin English e da lingue camerunensi locali (Ntsobé et al., 2008), oltre che da neologismi prodotti dalla creatività dei suoi giovani parlanti. Questa particolare varietà, nata dall'incontro di diverse lingue parlate nel medesimo territorio, si trova ora, nel contesto migratorio italiano, in un'ulteriore 1 Cfr. Andorno C. (2001)

Laurea liv.I

Facoltà: Lettere

Autore: Eleonora, Claudia, Maria Margherita Gioia Contatta »

Composta da 113 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 498 click dal 15/12/2014.

 

Consultata integralmente una volta.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.