Skip to content

Il Venture Capital: il fondo ''Vertis Venture'' e l’investimento in ''Personal Factory''

Informazioni tesi

  Autore: Viviana La Gatta
  Tipo: Tesi di Laurea Magistrale
  Anno: 2013-14
  Università: Università degli studi di Napoli "Parthenope"
  Facoltà: Economia
  Corso: Management e controllo d'azienda
  Relatore: Stefano  Monferrà
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 126

Il lavoro ha ad oggetto il Venture Capital, vale a dire l'attività di investimento, posta in essere da operatori specializzati, nel capitale di rischio di imprese non quotate che si trovano in fase di start up o di sviluppo, attraverso l'acquisizione di titoli partecipativi, a seguito di aumenti di capitale, con l'obiettivo di consentire lo sviluppo dell'impresa target e, per il tramite, ricavare un elevato capital gain in fase di dismissione della partecipazione.
Nel primo capitolo vengono forniti, dapprima, alcuni cenni storici sulla nascita delle operazioni di Venture Capital e sul loro riconoscimento anche da un punto di vista normativo attraverso leggi che regolassero e favorissero la creazione di società volte a promuovere il settore del Venture Capital.
Successivamente, vengono individuate le categorie di investitori professionali che operano nel capitale di rischio quali banche d'affari e divisioni di banche commerciali, fondi chiusi a carattere sovranazionale/internazionale (international funds), fondi chiusi a carattere locale/regionale (local/regional funds), finanziarie di partecipazione (holding) di emanazione privata o industriale, operatori pubblici e le tipologie di investimento effettuate da tali soggetti distinte in investimenti volti al finanziamento dell'avvio (interventi di early stage), al finanziamento dello sviluppo ed al finanziamento del cambiamento/ripensamento.
Col secondo capitolo si è inteso entrare nel merito dell'operazione in questiione, concentrandosi sulle diverse fasi che si susseguono in una operazione di Venture Capital (fund raising, scouting, screening, analisi del business plan, valutazione del valore dell'azienda condotta attraverso diverse metodologie alternative quali: il metodo dei multipli; il metodo del discounted cash flow; il metodo del Price/Earning ed il Venture Capital method, monitoraggio, disinvestimento della partecipazione
Nel corso del terzo capitolo, invece, viene illustrato il trattamento fiscale delle operazioni di Venture Capital nel nostro paese.
Nell'ultimo capitolo, infine, viene esaminato il caso della Vertis SGR, Società di Gestione del Risparmio napoletana, la quale, attraverso il suo fondo di venture capital, Vertis Venture e insieme al fondo della SGR Fondamenta SGR, il TTVenture, nel 2009, ha proceduto al finanziamento della start up Personal Factory la quale dall'iniziativa dell'Ing. Francesco Tassone ha sviluppato e ingegnerizzato un sistema in grado di rendere i rivenditori di materiali edili direttamente produttori, diminuendo i costi di trasporto, riducendo di quasi il 90% l'impatto ambientale e incrementando la flessibilità della catena di fornitura.
L'investimento effettuato dai due fondi di Venture Capital è stato complessivamente di 1,3 milioni di euro per la realizzazione delle prime macchine di serie, per l'estensione della domanda di brevetto PCT (Patent Cooperation Treaty), per le attività di marketing e per lo sviluppo commerciale.
La valutazione dell'azienda, oltre che da una analisi sul mercato di riferimento e sull'eventuale posizionamento, si è basata su una visione prospettica del valore della stessa al momento ipotizzato per l'exit dell'investitore utilizzando Venture Capital Method.
Dalle stime effettuate utilizzando come tasso di attualizzazione il TIR obiettivo, si è ottenuto un Equity Value pre-money di 1,9 milioni di euro che, sommato all'importo complessivo dell'investimento di 1,3 milioni di euro complessivi ha condotto ad un Equity Value post-money pari a 3,2 milioni di euro.
Nel giugno 2013, è stata annunciata la sottoscrizione di un aumento di capitale in Personal Factory da parte di Vertis Venture (per € 500.000,00), TTVenture (per € 500.000,00) e Atlante Ventures Mezzogiorno – fondo gestito da IMI Fondi Chiusi SGR, società del gruppo Intesa Sanpaolo (per € 750.000,00) avendo stimato un Equity Value pre-money di 5,5 milioni di euro. Pertanto il rapporto partecipativo, ad oggi risulta essere ancora in corso.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
1 INTRODUZIONE Il presente lavoro ha ad oggetto il Venture Capital, vale a dire l’attività di investimento, posta in essere da operatori specializzati, nel capitale di rischio di imprese non quotate che si trovano in fase di start up o di sviluppo, attraverso l’acquisizione di titoli partecipativi, a seguito di aumenti di capitale, con l’obiettivo di consentire lo sviluppo dell’impresa target e, per il tramite, ricavare un elevato capital gain in fase di dismissione della partecipazione. Nel primo capitolo vengono forniti, dapprima, alcuni cenni storici sulla nascita delle operazioni di Venture Capital e sul loro riconoscimento anche da un punto di vista normativo attraverso leggi che regolassero e favorissero la creazione di società volte a promuovere il settore del Venture Capital. Successivamente, vengono individuate le categorie di investitori professionali che operano nel capitale di rischio quali banche d'affari e divisioni di banche commerciali, fondi chiusi a carattere sovranazionale/internazionale (international funds), fondi chiusi a carattere locale/regionale (local/regional funds), finanziarie di partecipazione (holding) di emanazione privata o industriale, operatori pubblici e le tipologie di investimento effettuate da tali soggetti distinte in investimenti volti al finanziamento dell'avvio (interventi di early stage), al finanziamento dello sviluppo ed al finanziamento del cambiamento/ripensamento.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi