Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

I social network tra pericoli e potenzialità. Il fenomeno Facebook.

Siamo ormai definitivamente nell’era di Facebook. Un fenomeno sociale destinato a cambiare le regole che vigono nei rapporti interpersonali.
Quello di Facebook e dei social network è un argomento talmente vasto che approfondirlo in tutta la sua estensione in una tesi di laurea triennale sarebbe improponibile, sia per la vastezza che lo contraddistingue, sia per le innumerevoli ed interessanti sfaccettature che cela al suo interno.
Ho deciso quindi di affrontare questa tematica partendo dagli studi di importanti sociologi in materia di reti sociali, in modo da comprendere il percorso con cui si è arrivati a definirle così come le conosciamo oggi.
In seguito ho approfondito il tema dei social network come principali strumenti di comunicazione individuale, all’interno di un mondo ancora più vasto che è quello del Web 2.0, dove il concetto chiave è quello della condivisione.
Infine concluderò con l’argomento più delicato, ovvero il fenomeno di Facebook dal punto di vista dell’identità e delle relazioni, per arrivare a tracciare un bilancio finale su come il famoso social network di Mark Zuckerberg possa incidere sulla nostra vita, sia in maniera positiva, ma anche, inevitabilmente, in maniera negativa.

Mostra/Nascondi contenuto.
! 6! INTRODUZIONE È innegabile l’eccezionale sviluppo avuto negli ultimi tempi dai social network, basti semplicemente pensare al fatto che Facebook, il social più popolato, ha superato il miliardo di utenti attivi in tutto il mondo. Questi servizi hanno inoltre avuto uno straordinario impatto sociale su un’estesa fetta della popolazione. Infatti, nonostante si creda che il fruitore medio di questi servizi sia un adolescente o un giovane adulto, sono sempre di più coloro che fanno uso di questi nuovi mezzi comunicativi per i motivi più disparati. Le aziende si fanno pubblicità utilizzandoli come strumento di marketing, inoltre vengono impiegati per organizzare eventi e come strumento di comunicazione virale. Addirittura sono numerosissimi i siti specializzati nella ricerca dell’anima gemella, anche per i non più giovani. Insomma, la rivoluzione che Internet ha provocato dal punto di vista delle relazioni sociali, sia in positivo che in negativo, non può essere ignorata e si estende a macchia d’olio. Ma ci siamo mai chiesti quanto realmente ragioniamo sulla nostra vita virtuale? Studiando per ottenere la laurea triennale in Scienze e tecniche della comunicazione grafica e multimediale allo IUSVE (Istituto Universitario Salesiano di Venezia), ho avuto modo più volte di affacciarmi al mondo dei social network. Nel corso “Comunicazione d’impresa e comunicazione pubblica”, (tenuto dalla professoressa Giovanna Bandiera e dal professor Francesco Pira), sono state affrontate tematiche legate ai social network come mezzi di comunicazione professionale, utilizzati da aziende e istituzioni. Ho avuto inoltre la possibilità di frequentare il tirocinio professionalizzante in un’agenzia di web marketing, che mi ha portato al comprendere le potenzialità di queste tecnologie (soprattutto Facebook) come strumento di marketing e di lavoro. In questo progetto ho dunque deciso di indagare le implicazioni sociali derivanti dall’uso dei social network. I motivi sono molteplici, e il primo dei quali è forse il più semplice. Io stesso sono un fruitore dei social network, sono infatti iscritto a Facebook e ad altre piattaforme come Instagram, Linkedin e Google+. Più di una volta mi sono domandato se sia corretto

Laurea liv.I

Facoltà: Scienze della Comunicazione

Autore: Raffaele Malacasa Contatta »

Composta da 72 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 5190 click dal 15/12/2014.

 

Consultata integralmente 7 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.