Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Dal Ragtime agli albori del Jazz

La tesi tratta del percorso pianistico che va dal Ragtime ai primi jazz, e affronta le varie tecniche in uso nei rispettivi periodi della musica afroamericana.

Mostra/Nascondi contenuto.
1 Introduzione Ai suoi esordi la musica Ragtime non poteva essere considerata innovativa bensì rappresentava l’identificazione di una tipologia musicale preesistente. Infatti formalmente e tecnicamente rispecchiava quella gamma di suoni che in Europa passava come “sincopato”. Il problema, quindi, che si ponevano i critici, musicologi, didatti e gli stessi musicisti, era quello di catalogare il Ragtime o nella categoria della musica classica, oppure in quella della musica popolare. Con tutta probabilità il Ragtime sembra sfuggire ad una precisa classificazione musicale. Se per molti rappresenta il primo jazz, per altri è pura espressione folkloristica. Volendo analizzare etimologicamente la parola ragtime, bisogna risalire al verbo to rag ovverosia “stracciare”. Ragtime vuol dire tempo spezzato. Tale significato venne usato per la prima volta verso la fine del

Laurea liv.I

Facoltà: Musica Jazz

Autore: Luigi Caiazza Contatta »

Composta da 74 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 575 click dal 22/12/2014.

 

Consultata integralmente una volta.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.