Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

I Bisogni Formativi del Personale del Dipartimento Alimenti dell’Istituto Zooprofilattico della Sicilia

Con questo Project Work si intendono individuare “I bisogni formativi del personale del Dipartimento Alimenti dell’Istituto Zooprofilattico Sperimentale della Sicilia”, in modo che si possano prospettare soluzioni realisticamente possibili che colmino il divario formativo creatosi nella struttura.
Tale divario è dipeso da numerosi fattori quali l’incremento di personale del 60% dovuto alla stabilizzazione dei precari, l’espletamento dei concorsi previsti nel programma triennale assunzioni 2008-2010 dell’Ente, l’attribuzione di nuovi compiti all’Ente, l’evoluzione del sistema informatico di refertazione, l’inadeguato programma di formazione degli ultimi anni e il miglioramento del clima organizzativo. Utilizzerò l’esperienza lavorativa maturata nel Dipartimento Alimenti per identificare il “divario di competenze” esistente sia per i neoassunti che per i senior: infatti quest’ultimi attraverso una rapida progressione di carriera rivestono ruoli diversi da quelli iniziali. La rilevazione del divario fra competenze possedute e competenze da acquisire per svolgere una determinata attività è stata eseguita attraverso lo strumento delle interviste, coinvolgendo tutto il personale presente nel Dipartimento. Per quanto riguarda i dirigenti, si è organizzato un “focus group” per definire gli obiettivi e la finalità, alla luce dei cambiamenti normativi e tecnico-organizzativi. Grande attenzione in sede è stata data all’individuazione delle tipologie di attività formative, viste le prerogative scientifiche del Dipartimento. La ricognizione dei bisogni formativi, si è ottenuta attraverso una serie di interviste semi-strutturate “vis à vis” e la conseguente analisi statistica dei dati. Si è tenuto conto anche dell’età e dell’esperienza lavorativa per stabilire la metodologia da utilizzare per l’apprendimento: la più appropriata è stata giudicata la teoria andragogica relativa alle modalità di apprendimento dell’adulto di cui si fa un breve cenno. Per la realizzazione tecnica-organizzativa si è tenuto conto sia del modello processuale andragogico, che di quelli indicati dal Ministero della Funzione Pubblica. Per la valutazione del processo si è utilizzato il sistema a quattro livelli. Da un rapido esame dei curricula di tutto il personale e da una ricerca in internet si è potuto realizzare una banca dati dei soggetti erogatori di formazione e di eventi formativi. Dall’aggregazione di tutte queste informazioni è stato possibile progettare un programma di formazione triennale; che prevede una serie di eventi formativi, articolati in livelli di specializzazione progressiva.

Mostra/Nascondi contenuto.
- 0 - Facoltà di GIURISPRUDENZA Master in “Management e funzioni di coordinamento delle professioni sanitarie” Anno Accademico 2008 – 2009 TITOLO Project Work: I BISOGNI FORMATIVI DEL PERSONALE DEL DIPARTIMENTO ALIMENTI DELL’ISTITUTO ZOOPROFILATTICO SPERIMENTALE DELLA SICILIA Relatore Federica Borelli Candidato Stefano Figuccia Matricola n. 005287

Tesi di Master

Autore: Stefano Figuccia Contatta »

Composta da 61 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 276 click dal 22/12/2014.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.

 

 

Per approfondire questo argomento, consulta le Tesi:
×