Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Risk Management: Un'analisi del processo di gestione dei rischi dei progetti software

Lo scopo di questo elaborato è un’analisi del Project Risk Management (PRM), in un quadro di riferimento metodologico di Risk Management, con un particolare focus sul processo di gestione dei rischi nell’ambito dei progetti di sviluppo software.
L’analisi del processo di gestione dei rischi dei progetti software è attuata attraverso una revisione sia della letteratura di riferimento che delle best practices più diffuse nel mondo professionale, ottenendo una visione sistematica ed integrata dell’argomento. Dopo un’analisi delle peculiarità dei progetti software e dei principali modelli di processo software, si valutano le motivazioni che hanno, poi, portato gli accademici e i professionisti del settore ICT a definire e specializzare i processi di gestione rischi per i progetti software dei quali si esamina la natura e origine dei principali rischi.
A conclusione dell’attività di “censimento” dei rischi più diffusi e/o comuni riguardanti lo sviluppo del software, è proposta, sulla base delle diverse top ten software risk presenti in letteratura, una rielaborazione di una lista strutturata di rischi utilizzabile da un Project Manager nella fase di identificazione dei rischi.
Infine, sono esaminati i metodi e le tecniche utilizzate nelle varie fasi del processo di gestione dei rischi evidenziando gli scopi e le condizioni di applicabilità e, con un’indagine effettuata nella rete Internet, è identificato un insieme di tools software commerciali e non a supporto delle varie fasi del processo di gestione dei rischi.

Mostra/Nascondi contenuto.
3 PRESENTAZIONE DELL’ELABORATO Lo scopo di questo elaborato è un’analisi del Project Risk Management (PRM), in un quadro di riferimento metodologico di Risk Management, con un particolare focus sul processo di gestione dei rischi nell’ambito dei progetti di sviluppo software. I progetti che si riferiscono allo sviluppo del software sono intrinsecamente attività ad alto rischio poiché hanno l’obiettivo di rispondere a problemi complessi con delle soluzioni innovative entro vincoli di pianificazione, budget, risorse e tecnologie. Il rischio, che la qualità di un prodotto software sia scadente o che si superino i tempi e costi di sviluppo, è elevato, come emerge dai dati riportati dallo Standish Group nel Chaos Report (Standish Group, 2009) dove si riporta che circa tre progetti software su cinque falliscono e/o non rispettano gli obiettivi prefissati di budget o di pianificazione. Una efficace gestione di tali rischi è attualmente percepita come una delle aree più importanti della gestione di progetti (Fairley, 2008) Il PRM, processo sistematico di identificazione, analisi e risposta ai rischi di progetto, è un insieme di conoscenze finalizzate a stimare e gestire l’incertezza e il rischio dei progetti connesso alla possibile evoluzione di eventi futuri. Il PRM è un processo fondamentale in tutti i settori che prevedono una gestione per progetti (cantieristico, consulenza, sviluppo software, automobilistico, edile, civile, etc.). Le caratteristiche del progetto, quali dimensione, complessità, durata, location e il grado di novità influenzano in modo determinante i fattori di rischio. Lo scopo del PRM è, quindi, massimizzare sia la probabilità e le conseguenze degli eventi positivi, che ridurre le probabilità e le conseguenze degli eventi avversi al progetto. In questo elaborato, l’analisi del processo di gestione dei rischi dei progetti software è attuata attraverso una revisione sia della letteratura di riferimento che delle best practices più diffuse nel mondo professionale, ottenendo una visione sistematica ed integrata dell’argomento. Si parte dall’esame della gestione dei rischi di un generico progetto secondo lo standard ISO 31000:2009 e conseguente modello proposto dal PMI nel PMBOK® (Project Management Institute (PMI), 2013). Dopo un’analisi delle peculiarità dei progetti software e dei principali modelli di processo software, si valutano le motivazioni che hanno, poi, portato gli accademici e i professionisti del settore ICT a definire e specializzare i processi di gestione rischi per i progetti software dei quali si esamina la natura e origine dei principali rischi. A conclusione dell’attività di “censimento” dei rischi più diffusi e/o comuni riguardanti lo sviluppo del software, è proposta, sulla base delle diverse top ten software risk presenti in letteratura, una rielaborazione di una lista strutturata di rischi utilizzabile da un Project Manager nella fase di identificazione dei rischi. Infine, sono esaminate le tecniche e i metodi utilizzati nelle varie fasi del processo di gestione dei rischi evidenziando gli scopi e le condizioni di applicabilità e, con un’indagine effettuata nella rete Internet, è identificato un insieme di tools software commerciali e non a supporto delle varie fasi del processo di gestione dei rischi.

Laurea liv.I

Facoltà: Ingegneria

Autore: Donato Bellino Contatta »

Composta da 147 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2338 click dal 22/12/2014.

 

Consultata integralmente una volta.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.