Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Comportamento dinamico e sismico di strutture in paglia

Caratteristiche, proprietà fisiche e meccaniche della paglia.
Tecniche costruttive.
Resistenza alle azioni sismiche di un edificio portante in balle di paglia e confronto con una casa in muratura.

Mostra/Nascondi contenuto.
1. INTRODUZIONE 1.1. ORIGINI DELLE CASE IN BALLE DI PAGLIA Le prime costruzioni in balle di paglia sorsero verso la fine dell’800 nel Sound Hills, Nebraska ( Stati Uniti ). Fig. 1 : Stato del Nebraska Fig. 2 : Pianura del Nebraska In questa regione, povera di legname e con un terreno sabbioso, non avendo altri mezzi per ripararsi, i pionieri si trovarono ad improvvisare delle abitazioni temporanee utilizzando i materiali di scarto in loro possesso ossia le balle di paglia. Quando si accorsero che esse superavano senza problemi la durata di vita prevista e che in più, era gradevole viverci nei rigidi inverni del Nebraska, diventarono rapidamente delle abitazioni permanenti. Con l’introduzione dell’imballatrice meccanica (II metà del 1800) la paglia diventò un significativo materiale da costruzione. Le balle di paglia venivano accatastate le une sulle altre proprio come se fossero dei mattoni giganti. Da qui derivò il nome di Nebraska Style (“Load Bearing Style”). Nei primi decenni del 900, anche in Europa, vennero costruite case in balle di paglia. L’edificio piu antico d'Europa, risalente al 1921, e’ la Maison Feuillette a Montargis, ancora abitata. Questo metodo costruttivo si protrasse fino alla metà del XIX secolo. Con l’avvento del cemento e dell’acciaio si ridussero le costruzioni delle case in balle di paglia. 3

Laurea liv.I

Facoltà: Ingegneria

Autore: Andrea Cusumano Contatta »

Composta da 88 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 367 click dal 24/12/2014.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.