Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Studio biomolecolare e genetico dell'iperreattività infiammatoria e sua correlazione con le sindromi coronariche acute

Livelli elevati di proteina C-reattiva (PCR) hanno valore prognostico negativo non solo in pazienti con sindromi coronariche acute ma anche in individui sani senza fattori di rischio cardiologici, seguiti con un follow-up di 8 anni.
Di cosa è marker la PCR? Si tratta probabilmente di uno stato infiammatorio di basso grado, iniziato e mantenuto da una iperreattività, forse geneticamente determinata delle cellule infiammatorie a stimoli infettivi e non, anche di lieve entità.

Mostra/Nascondi contenuto.
CAPITOLO 1 Sindrome coronarica acuta 1. Definizione L’espressione sindrome coronarica acuta (SCA) si e`evolutaneltempo,fino a costituire un termine molto utile nella pratica clinica per indicare ogni costel- lazione di sintomi clinici compatibili con un’ischemia miocardica acuta . Essa comprende l’Angina Instabile e l’Infarto Miocardico Acuto (con sottoslivel- lamento del tratto ST, cioe` IMA non-Q o con sopraslivellamento del tratto ST, cioe` IMA-Q) [1]. Il termine Infarto Miocardico Acuto (IMA) si riferisce ad una condizione pato- logica in cui l’ischemia, per severita` e durata, determina la necrosi di una parte del miocardio. L’estensione della necrosi puo` essere estremamente variabile e in base ad essa e` possibile classificare gli infarti in microscopici (necrosi focale), piccoli (<10% del ventricolo sinistro), medi (dal 10% al 30% del ventricolo sinistro), estesi (>30% del ventricolo sinistro) [2]. La tradizionale definizione di IMA necessita di una rivalutazione alla luce degli attuali sviluppi della diagnostica per immagini e dell’utilizzo di biomarkers alta- mente sensibili e specifici che permettono di identificare pazienti con aree di necrosi miocardica inferiori ad 1g di peso. Pertanto, se accettiamo il concetto che qualsiasi entita` di necrosi miocardica debba essere definita IMA, rientrano in tale definizione anche condizioni fino ad ora diagnosticate come forme severe di angina stabile o instabile. Inrispostaataleesigenzaladefinizione di IMA prevede l’esame dei suoi molteplici aspetti in base ai seguenti punti di vista: istopatologia, biochimica, ECG, diagnostica per immagini. Piu` semplicemente possiamo distinguere un IMA non-Q, caratterizzato da necrosi sottoendocardica, alterazioni ischemiche all’ECG con assenza di sopraslivellamento del tratto ST e dell’onda Q di necrosi, e un IMA associato ad onda Q, sopraslivel- lamento del tratto ST all’ECG, sintomatico di necrosi miocardica a tutto spessore. Secondo le nuove Linee guida per il trattamento dei pazienti con angina in- stabile (AI) e infarto miocardico non associato a sopraslivellamento del tratto ST (NSTEMI), AI e NSTEMI vengono considerati condizioni strettamente cor- relate, la cui patogenesi e presentazione clinica sono simili, ma di differente gravita`; cio`significa che la differenza primaria fra queste due sindromi e` data dall’entita` dell’ischemia, vale a dire se essa e`cos ` i grave o meno da provocare un danno mio- cardico oggettivabile mediante il rilievo di quantita` misurabili di markers di danno miocardico, quali la Troponina I (TnI), la troponina T (TnT), o la CK-MB. Una volta stabilito che non si e` avuto alcun rilascio di markers biochimici di necrosi miocardica (il limite di riferimento e`il99 ◦ percentile del valore della 3

Tesi di Laurea

Facoltà: Medicina e Chirurgia

Autore: Francesca Raimondi Contatta »

Composta da 43 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1854 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 2 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.