Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Monitoraggio cerebrale durante TEA carotidea. Un confronto tra due metodiche: Eeg ed Ossimetria Transcranica

Durante gli interventi di tromboarterectomia (TEA) carotidea il danno perioperatorio è determinato principalmente da due fattori scatenanti:
• embolizzazione
• disaccoppiamento tra domanda e disponibilità di ossigeno
per cui è necessario un monitoraggio che possa individuare questi due eventi.

In 20 pazienti sottoposti a TEA carotidea sono state monitorate la funzionalità ed il metabolismo cerebrale impiegando, contemporaneamente, l'Elettroencefalogramma (EEG) e l'Ossimetria Transcranica (rSO2) con Spettroscopia ad infrarossi (NIRS).

Le due metodiche sono state confrontate valutandone pregi, difetti, eventuali incongruenze di valori e difficoltà tecniche.

Mostra/Nascondi contenuto.
II. MONITORAGGIO NEUROFISIOLOGICO INTRAOPERATORIO Il monitoraggio neurofisiologico intraoperatorio risulta di particolare utilità in tutte quelle situazioni nelle quali è possibile che si realizzi una sofferenza del sistema nervoso centrale (SNC) con danni anche irreversibili. Durante interventi di tromboarterectomia carotidea il danno perioperatorio è determinato principalmente dalla presenza di due fattori scatenanti: embolizzazione e disaccoppiamento tra domanda e disponibilità di ossigeno, per cui è necessario un monitoraggio che possa individuare e correggere questi due eventi. Il monitoraggio è oltremodo utile dal momento che il danno neurologico si esprime anche con disfunzioni cognitive oltre che con deficit come stroke e TIA. In questo studio viene quindi proposto l’utilizzo del monitoraggio multimodale durante interventi di TEA carotidea, dato l’elevato rischio di ischemia cerebrale, sia per la tipologia della procedura chirurgica che per la ridotta o assente riserva cerebrovascolare del paziente. Al fine di ottenere informazioni sulla funzione e sul metabolismo cerebrale, in modo tale che le loro variazioni possano essere prontamente corrette, lo studio è stato condotto con l’associazione dell’ossimetria transcranica e 11

Laurea liv.I

Facoltà: Medicina e Chirurgia

Autore: Giada Martino Contatta »

Composta da 42 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 911 click dal 14/01/2015.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.