Skip to content

La silice tra rischio chimico e cancerogeno: interventi di prevenzione in un'azienda ceramica

Informazioni tesi

  Autore: Sania Roscia
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2013-14
  Università: Università degli Studi di Roma La Sapienza
  Facoltà: Tecniche della prevenzione nell'ambiente e nei luoghi di lavoro
  Corso: L/SNT4 medicina e farmacia
  Relatore: medico del lavoro medico del lavoro
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 120

L’esistenza del legame tra l’esposizione a silice e l’insorgenza di silicosi è nota ormai da tempo, tanto che tale patologia rappresenta una delle più vecchie malattie professionali.
La silicosi è una tecnopatia cronica, non reversibile, causata proprio dall’inalazione, protratta nel tempo, di silice libera nelle sue forme allotropiche (quarzo, trimidite, cristobalite) in concentrazioni tali da risultare pericolosa.
Inoltre, l’esposizione a polveri di silice cristallina per via inalatoria è stata correlata all’insorgenza di tumori polmonari. Ciò sulla base di numerosi studi epidemiologici effettuati dall’Agenzia Internazionale di Ricerca sul Cancro (IARC) che ha classificato nel 1997 la silice cristallina nel gruppo 1 come sicuro cancerogeno per l’uomo.
Nella monografia IARC viene fatto notare che la cancerogenicità, però, non è stata individuata in tutte le circostanze industriali studiate. Ciò significa che la silice può presentare delle differenze, che influenzano la sua tossicità, legate sia a proprietà intrinseche del minerale e sia a fattori estrinseci, quali contatto e contaminazione da altre sostanze, che possono attivare il processo di cancerogenicità.
Pertanto, le polveri aerodisperse rappresentano uno dei più rilevanti problemi nel campo dell’igiene industriale in quanto sono molteplici le attività, fonti di tale tipo di inquinamento.
L’esposizione lavorativa a polveri aerodisperse è attualmente regolamentata dal Decreto Legislativo 9 aprile 2008 e s.m.i., n.81 che stabilisce l’obbligo per il datore di lavoro di valutare l’esposizione dei lavoratori e di adottare tutte le misure necessarie per la riduzione del rischio. Sulla base di quanto prescritto dalle norme emanate in ambito europeo, il D. Lgs. 81/2008 definisce valori limite di concentrazione per un limitato numero di sostanze chimiche, mentre per i restanti agenti chimici aerodispersi, tra cui la silice, è prassi comune riferirsi ai valori limite proposti da organismi internazionali di riconosciuta autorità come l’ American Conference of Governmental Industrial Hygienists (ACGIH).
L’ACGIH fino al 2005 ha proposto come valore limite d’esposizione a silice cristallina 0,050 mg/m³ resp in accordo con la Raccomandazione del giugno 2002 dello SCOEL, in quanto tale valore è indicato come limite in grado di prevenire la silicosi nella pressoché intera popolazione degli esposti.Questo lavoro di tesi ha lo scopo di valutare la quantità di polveri di silice cristallina a cui sono esposti i lavoratori di uno stabilimento ceramico che produce apparecchi igienico-sanitari a base di argilla.La parte iniziale riguarda una sintetica, ma precisa descrizione del minerale e delle sue varie forme con cui esso si presenta in natura o allo stato artificiale.
Segue poi una panoramica degli effetti sulla salute per l’esposizione prolungata nel tempo, in ambiente di lavoro, a silice cristallina e la descrizione delle attività lavorative maggiormente esposte a tale rischio con particolare riferimento al ciclo produttivo dello stabilimento ceramico analizzato.
Il lavoro d’indagine mira a quantificare l’esposizione personale delle varie figure professionali o dei loro gruppi omogenei all’interno dei reparti produttivi dell’azienda e ha previsto la raccolta di campioni durante il turno lavorativo di 8 ore mediante campionatori personali costituiti da elutriatori a cicloni con l’orifizio di aspirazione all’altezza circa del viso del lavoratore con preselettori per la frazione respirabile e substrati di raccolta in pvc, con un flusso di aspirazione di 2,5 l/min. I campioni ottenuti sono stati successivamente analizzati in laboratorio.
Dai risultati ottenuti si è proceduto a calcolare i valori medi per le polveri respirabili e per la silice libera cristallina in mg/m³ confrontandoli con i valori medi dei precedenti campionamenti a partire dall’anno 2002.
In mancanza di normativa specifica nei posti di lavoro, il valore limite (TLV) proposto dall’ACGIH rappresenta il valore di riferimento generalmente usato in Italia.
Dall’analisi dei dati si è evidenziato che i valori medi, negli anni, nei vari reparti, sono risultati, tendenzialmente, non classificabili come pericolosi per l’uomo. Tuttavia, in alcuni casi sporadici sono stati evidenziati valori di picco, probabilmente imputabili anche a erronee procedure di campionamento, sui quali l’azienda ha lavorato, impiegando mezzi e risorse, nell’ottica di una puntuale e concreta tutela della salute dei lavoratori.
Tale considerazione è stata fatta sulla base di quanto ribadito dal Regolamento CLP attualmente in vigore, per la classificazione, l’ etichettatura e l’imballaggio delle sostanze pericolose.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
7 Premessa L’esistenza del legame tra l’esposizione a silice e l’insorgenza di silicosi è nota ormai da tempo, tanto che tale patologia rappresenta una delle più vecchie malattie professionali. La silicosi è una tecnopatia cronica, non reversibile, causata proprio dall’inalazione, protratta nel tempo, di silice libera nelle sue forme allotropiche (quarzo, trimidite, cristobalite) in concentrazioni tali da risultare pericolosa. Inoltre, l’esposizione a polveri di silice cristallina per via inalatoria è stata correlata all’insorgenza di tumori polmonari. Ciò sulla base di numerosi studi epidemiologici effettuati dall’Agenzia Internazionale di Ricerca sul Cancro (IARC) che ha classificato nel 1997 la silice cristallina nel gruppo 1 come sicuro cancerogeno per l’uomo. Nella monografia IARC viene fatto notare che la cancerogenicità, però, non è stata individuata in tutte le circostanze industriali studiate. Ciò significa che la silice può presentare delle differenze, che influenzano la sua tossicità, legate sia a proprietà intrinseche del minerale e sia a fattori estrinseci, quali contatto e contaminazione da altre sostanze, che possono attivare il processo di cancerogenicità. Pertanto, le polveri aerodisperse rappresentano uno dei più rilevanti problemi nel campo dell’igiene industriale in quanto sono molteplici le attività, fonti di tale tipo di inquinamento. Le polveri inalate interessano sia le vie respiratorie, per quanto riguarda le azioni meccaniche irritative, sia altre parti dell’organismo umano, per differenti, specifiche, azioni di danno. Le polveri che hanno azione patologica sull’organismo umano possono essere classificate in:  polveri pneumoconiogene  polveri non pneumoconiogene Le polveri pneumoconiogene sono quelle che, entrate nell’organismo umano, esplicano la loro azione esclusivamente sull’apparato respiratorio. Possono essere suddivise in:  polveri inerti o fastidiose  polveri fibrogene Sono definite inerti o fastidiose le polveri con le seguenti caratteristiche:

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Per tradurre questa tesi clicca qui »
Scopri come funziona »

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

silicosi
silice

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi