Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Reverse Engineering: aspetti teorici ed applicazioni

La Reverse Engineering è definita dal manuale militare americano MIL-HDBK-115 (ME) come “il processo di duplicazione di un oggetto nelle sue funzioni e nelle sue dimensioni attraverso un’analisi fisica e la misura delle sue parti, ottenendo i dati tecnici richiesti per la lavorazione” . Per semplificare, la “reverse engineering” (RE) o “ingegneria inversa” è il processo di creazione di un disegno tridimensionale ottenuto misurando un oggetto da riprogettare o modificare, per determinarne dimensioni e tolleranze quando non esistono dati specifici. Il termine include quindi ogni attività compiuta per determinare come lavora un oggetto o per comprendere le idee e la tecnologia alla base del processo di produzione. I valori delle tolleranze, spesso l’aspetto più difficile del processo di RE, possono essere ottenuti soltanto attraverso un accurato studio delle parti e della funzione del prodotto. Una diversa definizione è quella che indica la RE come il processo tramite il quale informazioni presenti in forma non direttamente leggibile da una persona sono estratte tramite un apposito dispositivo e convertite in un formato direttamente interpretabile, quale un modello CAD, per essere manipolate o duplicate.

La presente tesi di laurea analizza e classifica i sistemi di scansione esistenti, ed integra la parte teorica con uno studio e realizzazioen applicativa in campo medico.

Mostra/Nascondi contenuto.
1 INTRODUZIONE La Reverse Engineering è definita dal manuale militare americano MIL-HDBK-115 (ME) come “il processo di duplicazione di un oggetto nelle sue funzioni e nelle sue dimensioni attraverso un’analisi fisica e la misura delle sue parti, ottenendo i dati tecnici richiesti per la lavorazione” 1 . Per semplificare, la “reverse engineering” (RE) o “ingegneria inversa” è il processo di creazione di un disegno tridimensionale ottenuto misurando un oggetto da riprogettare o modificare, per determinarne dimensioni e tolleranze quando non esistono dati specifici. Il termine include quindi ogni attività compiuta per determinare come lavora un oggetto o per comprendere le idee e la tecnologia alla base del processo di produzione. I valori delle tolleranze, spesso l’aspetto più difficile del processo di RE, possono essere ottenuti soltanto attraverso un accurato studio delle parti e della funzione del prodotto. Una diversa definizione è quella che indica la RE come il processo tramite il quale informazioni presenti in forma non direttamente leggibile da una persona sono estratte tramite un apposito dispositivo e convertite in un formato direttamente interpretabile, quale un modello CAD, per essere manipolate o duplicate. 1 US Army Military Handbook; la definizione fu coniata per designare il processo di appropriazione di tecnologie militari in caso di ritrovamento di armamentario bellico nemico.

Tesi di Laurea

Facoltà: Ingegneria

Autore: Paolo Gianolio Contatta »

Composta da 242 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1541 click dal 21/01/2015.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.