Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Team Building e Serious Play: uno studio delle applicazioni ai team di startup

"Go out there, innovate and change the world".
Recita così, rivolgendosi direttamente agli aspiranti imprenditori, la chiusura del celebre discorso "calling all startups!" di Neeslie Kroes, commisionario europeo per l'agenda digitale.
Esploso negli anni 80' con Jobs e Gates "pirati della silicon valley" , il movimento startup mondiale ha creato un'ondata di entusiasmo e speranza tra le nuove generazioni di imprenditori.
Tuttavia l'elevato tasso di crescita di nuove iniziative imprenditoriali è ancora frenato da un altrettanto elevato tasso di mortalità.
Il seguente studio si prefigge l'obiettivo di analizzare gli aspetti caratterizzanti il successo e il fallimento di una startup innovativa e di proporre nuovi approcci alla gestione ed al monitoraggio dei team, utilizzando, come supporto per la ricerca, dati empirici ed esperienze dirette.
si focalizzerà l'attenzione su un argomento spesso dimenticato dalle startup: il team building, e sulle possibili attività, ad esso connesse, attualmente utilizzate per il supporto del team, il monitoraggio delle soft skills dei membri che lo compongono e la gestione dei conflitti che possono sorgere durante lo sviluppo dell'impresa.
Dopo aver fornito una descrizione approfondita delle attuali tecniche di formazione aziendale attraverso interventi di team building, e delle criticità ad esse legate, verrà effettuata un'analisi su una particolare categoria di attività che individua nel gioco uno strumento di formazione esperienziale molto potente, il cd. serious play

Mostra/Nascondi contenuto.
CAPITOLO I TEAM DI STARTUP: FATTORI DI SUCCESSO E DI FALLIMENTO DURANTE IL CICLO DI VITA 1.1 Il ruolo del team nel successo di una startup E' utile prima di addentrarsi nello studio dei fattori che separano il successo dal fallimento di una startup, darne una definizione, provvedere ad una classificazione delle possibili tipologie di team e del modo in cui questi si formano. Steve Blank, guru del movimento startup mondiale, fornisce questa definizione in un suo celebre libro: "a startup is an organization formed to search for a repeatable and scalable business model." 1 Si parla quindi di un'organizzazione votata alla ricerca di un modello di business scalabile quindi ripetibile. Parlando di organizzazione è difficile, prima ancora di ricercare il modello di business scalabile e ripetibile, non soffermarsi attentamente sulla composizione dei membri del team. Un'importante ricerca condotta su circa 700 startup web-based in tutto il mondo, da Max Marmer, Bjoern Lasse Herrmann, Ron Berman insieme con importanti istituti di ricerca tra cui Stanford e Berkeley e con l'ausilio di imprenditori, VC e ricercatori di spicco nel settore in questione tra cui Chuck Eesley, Steve Blank, Fadi Bishara, ha fornito il genoma del movimento startup, da cui il nome del progetto "Startup Genome" 2 . Un team di startup, quello composto dai soli founders (numero che oscilla dai 2 ai                                                                                                                           1   Steve  Blank,  Bob  Dorf   "The  Startup  Owner's  Manual:  The  Step -­‐ by-­‐ Step  Guide  for  Building  a  Great   Company",  K&S  Ranch  Inc.   2   Max Marmer, Bjoern Lasse Herrmann, Ron Berman (2011), Startup Genome: cracking the code of innovation 5

Laurea liv.I

Facoltà: Economia

Autore: Giuliano Antonio Tosto Contatta »

Composta da 54 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 3189 click dal 22/01/2015.

 

Consultata integralmente 2 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.