Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Aggressività e bullismo nel XXI secolo

La mia tesi di si propone di affrontare due aspetti fondamentali del comportamento a partire dall’età infantile ed in particolare nell’adolescenza, l’aggressività e la prosocialità, sfocianti in un particolare tipo di comportamento aggressivo: il Bullismo.
Per analizzare l’argomento ho preso in esame recenti studi pubblicati in ambito internazionale a partire dal 2000, allo scopo di avere un quadro ampio del lavoro di ricerca che si è svolto in questi anni.
Ognuno di noi a partire dall’infanzia e per il resto della sua vita, oscilla tra due istanze: L’aggressività, necessaria ad affermare se stessi e mantenere la propria identità ed equilibrio, e la prosocialità, che è un’attitudine che comporta costi talvolta elevati.
Entrambe le dinamiche richiedono una presa di posizione forte sia da parte del soggetto attuatore che da parte degli educatori; la gestione dell’aggressività è un’abilità che si apprende e si conquista, invece la prosocialità è un’attitudine che si sviluppa attraverso l’educazione, pertanto implica assunzione di responsabilità.
Per quanto concerne invece il bullismo, al momento vediamo che il rapporto fra la scuola e la società sta vivendo un grave momento di crisi a vari livelli.
Nell’opinione pubblica sembra dilagare l’idea della perdita di valore del ruolo dell’insegnante e la mancanza di fiducia nelle istituzioni in generale e nella scuola in particolare. I fenomeni del bullismo e del cyberbullismo hanno assunto una visibilità mediatica senza precedenti, infatti giornali e telegiornali giornalmente ci rendono conto di nuovi atti di vandalismo, atti di violenza e prepotenze compiute tra le mura scolastiche.
Le nuove tecnologie hanno cambiato il rapporto delle persone con il mondo della scuola; ciò che avviene nelle aule viene puntualmente ripreso da telefonini e pubblicato su Internet. Assistiamo così a episodi di varia gravità: comunemente questo comportamento viene classificato “bullismo” questo termine comprende un vasto repertorio di comportamenti, maleducazione, violenza privata, vandalismo sino ad arrivare al bullismo vero e proprio.
Alcuni di questi comportamenti hanno conseguenze gravi, qualcuno ha rilevanza addirittura penale.
Pertanto assistere ad aggressioni sia pure attraverso la televisione o il monitor di un computer, spaventa la gente, perché viene meno uno dei cardini della società, la fiducia nelle istituzione scolastiche.

Mostra/Nascondi contenuto.
5 Introduzione La mia tesi di si propone di affrontare due aspetti fondamentali del comportamento a partire dall’età infantile ed in particolare nell’adolescenza, l’aggressività e la prosocialità, sfocianti in un particolare tipo di comportamento aggressivo: il Bullismo. Per analizzare l’argomento ho preso in esame recenti studi pubblicati in ambito internazionale a partire dal 2000, allo scopo di avere un quadro ampio del lavoro di ricerca che si è svolto in questi anni. Ognuno di noi a partire dall’infanzia e per il resto della sua vita, oscilla tra due istanze: L’aggressività, necessaria ad affermare se stessi e mantenere la propria identità ed equilibrio, e la prosocialità, che è un’attitudine che comporta costi talvolta elevati. Entrambe le dinamiche richiedono una presa di posizione forte sia da parte del soggetto attuatore che da parte degli educatori; la gestione dell’aggressività è un’abilità che si apprende e si conquista, invece la prosocialità è un’attitudine che si sviluppa attraverso l’educazione, pertanto implica assunzione di responsabilità. Per quanto concerne invece il bullismo, al momento vediamo che il rapporto fra la scuola e la società sta vivendo un grave momento di crisi a vari livelli. Nell’opinione pubblica sembra dilagare l’idea della perdita di valore del ruolo dell’insegnante e la mancanza di fiducia nelle istituzioni in generale e nella scuola in particolare. I fenomeni del bullismo e del cyberbullismo hanno assunto una visibilità mediatica senza precedenti, infatti giornali e telegiornali giornalmente ci rendono conto di nuovi atti di vandalismo, atti di violenza e prepotenze compiute tra le mura scolastiche.

Laurea liv.I

Facoltà: Scienze dell'Educazione

Autore: Caterina Santo Contatta »

Composta da 78 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 3914 click dal 24/02/2015.

 

Consultata integralmente 5 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.