Skip to content

La convalidazione del marchio

Informazioni tesi

  Autore: Gabriele Luchenti
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 2000-01
  Università: Università degli Studi di Roma La Sapienza
  Facoltà: Giurisprudenza
  Corso: Giurisprudenza
  Relatore: Paolo Spada
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 129

L’istituto della convalidazione del marchio d’impresa viene disciplinato dall’art. 48 della legge speciale n.929 del 1942.
Attraverso quest’istituto si consolida una situazione di fatto facendovi corrispondere una situazione di diritto. Si preclude, infatti, la possibilità di reagire con una azione di nullità o di contraffazione al titolare del marchio che abbia tollerato, per almeno cinque anni, la violazione del proprio diritto di esclusiva da parte del terzo.
La ratio della norma contenuta nell’art.48 l.m. viene individuata nella tutela dell’affidamento consapevolmente generato nel terzo; affidamento di cui si è reso responsabile il titolare originario del marchio attraverso una cosciente inerzia nel reagire. Infatti, trascorsi cinque anni dal momento della conoscenza dell’uso illegittimo altrui del proprio marchio, la tardiva reazione del registrante anteriore viene considerata come manifestazione della volontà di impadronirsi del valore di avviamento insito nel marchio posteriore.
La convalidazione non è applicabile nel momento in cui, all’atto della domanda, il terzo conoscesse l’esistenza del marchio altrui; in termini più precisi, nel momento in cui non sia in buonafede.
L’originario art.48 l.m. ha subito molte modifiche in seguito al decreto legislativo n.448 del 1992, al decreto n.198 del 1996 e al decreto n.447 del 1999. Soprattutto il primo ha chiarito questioni che, precedentemente, avevano dato origine ad ampi e profondi contrasti all’interno della giurisprudenza e della dottrina giuridica: l’ambito di applicazione della norma, la nozione di buona fede, la nozione di tolleranza e, infine, gli effetti della convalidazione sul marchio anteriore e sul marchio convalidato.
L’analisi di alcuni casi giurisprudenziali successivi alla riforma del 1992 aiuta a capire come sono cambiati questi concetti.
L’istituto italiano della convalidazione è analogo ad altri istituti previsti da altri ordinamenti, come la Verwirkung dell’ordinamento tedesco o l’estoppel by acquiescence dell’ordinamento anglosassone.
Questi istituti possono essere ricondotti alla dottrina dell’abuso del diritto, le cui origini vanno ricercate molto indietro nel passato, precisamente nel diritto romano con l’exceptio doli generalis. Esso costituiva un mezzo pretorio a tutela di quel soggetto che veniva citato in giudizio in maniera dolosa. In questo caso con dolo non si intendeva il tipico dolo negoziale, ma un comportamento contrario ai canoni della correttezza.
Si può infatti definire scorretto il comportamento volto non a tutelare il proprio diritto, ma a beneficiare del lavoro altrui cercando di impadronirsene, come avverrebbe nel caso in cui non fosse possibile paralizzare l’azione di nullità o di contraffazione attraverso la convalidazione del proprio marchio.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
Capitolo 1 INTRODUZIONE 1) Il cammino legislativo La prima legge sui marchi di fabbrica e commercio risale al 30 agosto 1868: << Chiunque adotta un marchio, o altro segno, per distinguere i prodotti della sua industria, …, ne avrà l’uso esclusivo purché adempia il deposito in questa legge prescritto. Il marchio, o segno distintivo, deve essere diverso da quelli già legalmente usati da altri…>>. Nel 1908 vi è un tentativo di riforma della legge del 1868 che intende portare alcune novità, tra le quali l’art.40 1 : << chi provi di fare uso pubblico e continuato di un marchio da un tempo anteriore alla registrazione di quel marchio per lo stesso ramo d’industria o commercio, può chiedere l’annullamento di questa registrazione purché adempia preventivamente alle formalità prescritte dalla legge. Tuttavia quando la registrazione non sia stata ottenuta in malafede, l’annullamento non potrà essere pronunciato se l’azione non sia stata promossa entro i due anni dalla data di essa. In tal caso chi usava già del marchio conserva il diritto personale di continuarne l’uso.>>. 1 Atti della Assemblea Generale del Consiglio Nazionale delle Corporazioni 1932 Vol.II pag.21 citati da PENNISI R.: “La convalida del marchio” 1991 pag.27

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.

Scopri come funziona »

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

marchio
diritto commerciale
brevetti
marchio d'impresa
convalidazione del marchio

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi