Skip to content

La Media Education: nuovi stili cognitivi e tecnologie didattiche nella scuola del futuro

Informazioni tesi

  Autore: Simona Senatore
  Tipo: Laurea liv.II (specialistica)
  Anno: 2011-12
  Università: Università degli Studi Roma Tre
  Facoltà: Lettere e Filosofia
  Corso: Scienze dello spettacolo e della produzione multimediale
  Relatore: Edoardo Novelli
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 216

I media, negli ultimi decenni, sono diventati parte integrante della nostra vita, trasmettendoci migliaia di messaggi di ogni tipo e offrendoci numerose possibilità, soprattutto attraverso la digitalizzazione e l’informatizzazione.
L’uso di queste tecnologie incide notevolmente sui processi cognitivi e concorre a diversificare gli stili e gli approcci dei soggetti alla realtà.
Cambia, infatti, l’intera logica comunicativa: la centralità dei dispositivi viene sostituita dalla centralità dei soggetti, i quali diventano i veri protagonisti di uno scenario sociale e culturale caratterizzato da un incremento di schermi disponibili. Pensiamo agli schermi delle televisioni ai quali si aggiungono quelli dei computer, del cellulare, del palmare o dell’i-pod.
I media digitali contribuiscono, in questo modo, alla costruzione di una cultura che non comporta il ritorno all’oralità, quanto piuttosto un recupero e una rivalutazione di più sensi, richiedendo agli utenti nuove competenze e un approccio multisensoriale.
E’ per questo che da diversi decenni, prima nel resto d’Europa e poi anche nel nostro Paese, la Media Education si è proposta, in forme diverse, come strumento attraverso cui l’educazione possa tutelare i diritti dei più giovani che ormai utilizzano abbondantemente le nuove tecnologie. La Media Education diventa, così, uno strumento di potenziamento dei soggetti, proponendo lo sviluppo di consapevolezza e di pensiero critico, non pensando più a difendere il bambino, ma a creare le condizioni perché si possa difendere da sé.
Nuovi media e internet rappresentano, dunque, una realtà dove è possibile acquisire strumenti e conoscenze utili per favorire processi reali di integrazione, partecipazione e relazione con il mondo circostante ma sono anche uno “spazio”, di confronto e di crescita, in cui i più giovani possono esercitare e realizzare dimensioni inedite di partecipazione sociale e di arricchimento personale.
La Media Education può essere realizzata sia utilizzando i nuovi strumenti multi-mediali (internet e cellulari) all’interno della didattica, sia riflettendo su di essi, integrando in questo modo due dei più comuni approcci alla disciplina: l’educazione con i media e l’educazione ai media.
Il primo approccio si serve dei media per insegnare introducendo le tecnologie mediali all’interno della didattica, sia come strumento di insegnamento che di apprendimento, facendo pertanto di essi un utilizzo strumentale (lezioni fatte con il computer, filosofia o storia insegnate attraverso il giornale, geografia attraverso il cinema, ecc.), con la molteplice finalità di avvicinarsi ai ragazzi, di avvicinare i ragazzi ai media e di rendere l’apprendimento a scuola un’esperienza più fruibile e vicina al mondo degli studenti.
L’educazione ai media (media literacy), invece, considera le tecnologie come tema della didattica, insistendo sulla promozione del senso critico, sulla creazione di un consumatore dei media attivo, autonomo e creativo nel suo rapporto con gli stessi, in grado di decifrarne i messaggi e di utilizzarli secondo una propria visione e utilità.
L’educazione ai media e attraverso i media, tra i quali soprattutto la televisione, rappresenta quindi una necessità immediata per formare i nuovi spettatori e i nuovi cittadini.
Nel secondo capitolo analizzerò l’attuale modello culturale istituzionalizzato del “fare scuola” che si scontra con un inconfondibile pervadere dei media nel vissuto quotidiano dei giovani al di fuori delle mura scolastiche. Questo vissuto, si scontra, nello specifico, con il modello socioculturale dell’ambiente scuola ormai in crisi, perché ha escluso dal proprio sistema i media come potenziali alleati di socializzazione. Dunque, vi è un inevitabile gap tra la scuola e gli studenti, che manifestano sempre di più un’indisponibilità educativa da parte di essa. Cambia, infatti, la trasmissione del sapere e dell’informazione, cambia la cultura e cambiano gli apprendimenti e i modi stessi di apprendere e, dunque, di organizzare i processi di comprensione, studio e produzione di sapere.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
4 INTRODUZIONE I media, negli ultimi decenni, sono diventati parte integrante della nostra vita, tra- smettendoci migliaia di messaggi di ogni tipo e offrendoci numerose possibilità, soprattutto attraverso la digitalizzazione e l’informatizzazione. L’uso di queste tecnologie incide notevolmente sui processi cognitivi e concorre a diversificare gli stili e gli approcci dei soggetti alla realtà. Cambia, infatti, l’intera logica comunicativa: la centralità dei dispositivi viene so- stituita dalla centralità dei soggetti, i quali diventano i veri protagonisti di uno scenario sociale e culturale caratterizzato da un incremento di schermi disponibili. Pensiamo agli schermi delle televisioni ai quali si aggiungono quelli dei computer, del cellulare, del palmare o dell’i-pod. I media digitali contribuiscono, in questo modo, alla costruzione di una cultura che non comporta il ritorno all’oralità, quanto piuttosto un recupero e una rivalu- tazione di piø sensi, richiedendo agli utenti nuove competenze e un approccio multisensoriale. E’ per questo che da diversi decenni, prima nel resto d’Europa e poi anche nel no- stro Paese, la Media Education si è proposta, in forme diverse, come strumento at- traverso cui l’educazione possa tutelare i diritti dei piø giovani che ormai utilizza- no abbondantemente le nuove tecnologie. La Media Education diventa, così, uno strumento di potenziamento dei soggetti, proponendo lo sviluppo di consapevo- lezza e di pensiero critico, non pensando piø a difendere il bambino, ma a creare le condizioni perchØ si possa difendere da sØ. Nuovi media e internet rappresentano, dunque, una realtà dove è possibile acquisi- re strumenti e conoscenze utili per favorire processi reali di integrazione, parteci- pazione e relazione con il mondo circostante ma sono anche uno “spazio”, di con- fronto e di crescita, in cui i piø giovani possono esercitare e realizzare dimensioni inedite di partecipazione sociale e di arricchimento personale. La Media Education può essere realizzata sia utilizzando i nuovi strumenti multi- mediali (internet e cellulari) all’interno della didattica, sia riflettendo su di essi,

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

educazione
televisione
mediaset
media education
alberto manzi
non è mai troppo tardi
extracampus
televisione educativa

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi