Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La percezione del rischio come motore della prevenzione. Uno studio della percezione del rischio tra gli studenti di un Istituto Tecnico di Napoli

Sempre di più anche nella scuola si tende a parlare di “cultura della sicurezza”. Cultura intesa come convinzione, autonomia, responsabilità: presupposti ed obiettivi anche dell'ex d.lgs.vo 626/94, che individuava nella formazione di tutte le figure aziendali, dal datore di lavoro ai lavoratori, una condizione fondamentale per garantire la sicurezza.
Oggi, il decreto legislativo 81/08 prevede "Attività Promozionali", finanziate da parte del Ministero dell’istruzione, dell’università e della ricerca, finalizzate all'inserimento, in ogni attività scolastica, "di specifici percorsi formativi interdisciplinari alle diverse materie scolastiche volti a favorire la conoscenza delle tematiche della salute e della sicurezza sui luoghi di lavoro" (articolo 11 comma 1c, comma 4).
E’ in questa direzione che vanno anche le richieste alla scuola da parte del mondo del lavoro.

Il progetto “Sicurezza in Cattedra”, prende avvio dall'esperienza condotta dall’ITI-IPIA L. da Vinci di Firenze, e si configura nella realizzazione di un percorso didattico, con lo scopo sostanziale di formare gli allievi degli istituti tecnici nel campo della sicurezza negli ambienti di lavoro e di indagare sul modo in cui la percezione del rischio è influenzata da fattori di carattere socio-anagrafico, culturale, ambientale ecc.
I destinatari a cui si rivolge il progetto sono quelli degli istituti tecnici aeronautici, agrari, geometri, industriali, nautici e gli istituti professionali per l’agricoltura e ambiente, alberghieri, industria edile, industria ed artigianato, industria ed attività marinare.
La proposta del progetto “Sicurezza in Cattedra” che viene presentata ha ottenuto in vario modo (partecipazione diretta di esperti alle attività, sponsorizzazione, pubblicazione e diffusione materiali etc.) sostegno da organismi locali e nazionali che hanno compiti istituzionali in materia di sicurezza e salute negli ambienti di lavoro.
Si tratta di:
Istituto Nazionale per l’Assicurazione contro gli Infortuni sul Lavoro (INAIL), Istituto Superiore per la Prevenzione e la Sicurezza del Lavoro (ISPESL), Agenzia Regionale per la Protezione dell’Ambiente della Toscana (ARPAT), Associazione Nazionale Mutilati ed Invalidi del Lavoro (ANMIL), Azienda Sanitaria di Firenze (ASF), Istituto Regionale Ricerca Educativa (IRRE) della Toscana e del Veneto, Mediateca Regionale Toscana, Regione Toscana, Società Nazionale Operatori della Prevenzione (SNOP).
Mi chiedevo se, a seguito di un aumento delle conoscenze e delle competenze, potesse derivare una modifica nei meccanismi di percezione del rischio e se questi a loro volta determinassero modifiche nei comportamenti.
Mary Duglas, antropologa britannica, sostiene come non vi siano prove che l’educazione formale abbia prodotto mutamenti nell’atteggiamento collettivo, per esempio, verso i pericoli del cibo, ed aggiunge che non è evidente che una norma giuridica possa modificare l’atteggiamento verso i pericoli.
Se queste affermazioni possono apparire sorprendenti per la maggioranza di noi, abituati anche nella scuola ad una prassi di educazione alla salute basata sull’informazione, non lo sono per gli antropologi che, utilizzando la “teoria della cultura”, ricordano come la legislazione e l’educazione non possano prescindere dall’apparato delle motivazioni e convinzioni. E motivazione e convinzione sono un prodotto culturale, intendendo per cultura una “precodificazione collettiva dell’esperienza”, un insieme, comune ad una collettività, di principi e di valori utilizzati da tutti, che giustificano il nostro comportamento. Una sorta di “pre-giudizio collettivo”, verrebbe da dire.

Dal momento che hanno partecipato al progetto prevalentemente istituti del settentrione, ho ritenuto interessante sfruttare l’uniformità territoriale dei risultati ricavati dal test di ingresso coniscitivo proposto agli studenti delle scuole aderenti al progetto, considerando i risultati come campione unico di controllo e comparando gli stessi con quelli ottenuti dalla somministrazione dello stesso test a studenti di un Istituto Tecnico di Napoli, per la precisione l’Istituto I.P.I.A. di Miano. I due gruppi sono stati messi a confronto con lo scopo di individuare eventuali differenze sociali, nozionistiche, e culturali per evidenziare effettivamente se una diversa cultura di appartenenza possa mai influire sulla percezione del rischio di ognuno di noi.

Mostra/Nascondi contenuto.
16 Capitolo 2. Analisi dei processi sensoriali e cognitivi Percezione. Studi sui meccanismi psicofisici del processo sensoriale e cognitivo 6 Non è questa di certo la sede ove fare lezioni sulla percezione dando un taglio medico/psicologico all’argomento, la parola “percezione” sulla quale la tesi si sviluppa, deve essere vista non con gli occhi di un laureato in psicologia ma come sinonimo di “consapevolezza” del problema salute e sicurezza, “consapevolezza” del problema prevenzione. Ciò non toglie che pur scegliendo una chiave di lettura di certo piø “abbordabile”, non per questo imprecisa, bisogna almeno essere a conoscenza del fatto che lo studio della percezione umana è forse una delle sfide piø ardue che l’uomo si possa porre e che la scienza sta dando dei contributi indispensabili. Qualche accenno su alcune definizioni scientifiche fondamentali, quindi, non devono essere giudicate come “dispersive” rispetto all’argomento, ma utile supporto per comprendere il resto nel migliore dei modi. Gli studi sulla percezione occupano un posto di assoluto rilievo nella psicologia scientifica. Senza incorrere in discorsi troppo dispersivi potremmo dire che per mezzo di una evoluzione in ambito prevenzionistico, che ha indotto ad una traslazione netta da valutazione di tipo oggettivo a valutazione soggettiva, il discorso della percezione è ben presto diventato problematica anche in ambito lavorativo, tant'è vero che agli inizi del 900 è nato un ambito della psicologia tutto dedicato al mondo professionale battezzato per l'appunto “Psicologia del Lavoro”. 6 Francesco Fischetti, Guida allo studio della psicologia generale, Wip Edizioni - 2002.

Tesi di Laurea Magistrale

Facoltà: Medicina e Chirurgia

Autore: Crescenzo Costagliola di fiore Contatta »

Composta da 140 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1480 click dal 02/03/2015.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.