Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Comprensione del testo scritto nel primo anno di scuola primaria: contributi longitudinali di abilità cognitive, linguistiche ed esperienze di home literacy

Nel corso degli ultimi vent’anni la ricerca in Psicologia dello Sviluppo e dell’apprendimento si è interessata in modo crescente alle componenti individuali e, in misura minore, contestuali, coinvolte nel processo di comprensione del testo.
A tal proposito il presente studio si prefiggeva di indagare il contributo longitudinale di esperienze contestuali (come ad esempio le pratiche di home literacy) e di abilità individuali sulla comprensione del testo scritto, in bambini frequentanti il primo anno di scuola primaria. Dalla letteratura esistente sono stati presi in considerazione due modelli per spiegare se e in quale misura esistessero predittori individuali specifici per la comprensione del testo scritto: il modello “Simple View of Reading” (Gough & Turner 1986; Gough et al. 1996) e un modello “Multicomponente” (Cain & Oakhill, 2004). L’ ”Home Literacy Model” (Sénéchal & LeFevre, 2002) è stato invece utilizzato per spiegare il contributo delle esperienze educative dei bambini sulla comprensione del testo scritto.
Per raccogliere informazioni relative alle abilità individuali sono state somministrate prove linguistiche e cognitive in due momenti differenti: al termine del primo anno di scuola d’infanzia e, successivamente, al termine del primo anno di scuola primaria. Per raccogliere informazioni legate alle esperienze contestuali, invece, è stato consegnato un questionario self-report ai genitori dei bambini partecipanti alla ricerca.
Dopo aver osservato le correlazioni tra le misure del questionario e le misure delle prove somministrate, sono state condotte delle analisi di regressione gerarchica con variabile dipendente la comprensione del testo scritto e come predittori le componenti della stessa (decodifica e comprensione orale) e le variabili contestuali (riconducibili alle diverse aree del questionario).

Mostra/Nascondi contenuto.
1 INTRODUZIONE Nel corso degli ultimi vent’anni la ricerca in Psicologia dello Sviluppo e dell’apprendimento si è interessata in modo crescente alle componenti individuali e, in misura minore, contestuali, coinvolte nel processo di comprensione del testo. A tal proposito il presente studio si prefiggeva di indagare il contributo longitudinale di esperienze contestuali (come ad esempio le pratiche di home literacy) e di abilità individuali sulla comprensione del testo scritto, in bambini frequentanti il primo anno di scuola primaria. Dalla letteratura esistente sono stati presi in considerazione due modelli per spiegare se e in quale misura esistessero predittori individuali specifici per la comprensione del testo scritto: il modello “Simple View of Reading” (Gough & Turner 1986; Gough et al. 1996) e un modello “Multicomponente” (Cain & Oakhill, 2004). L’ ”Home Literacy Model” (Sénéchal & LeFevre, 2002) è stato invece utilizzato per spiegare il contributo delle esperienze educative dei bambini sulla comprensione del testo scritto. Per raccogliere informazioni relative alle abilità individuali sono state somministrate prove linguistiche e cognitive in due momenti differenti: al termine del primo anno di scuola d’infanzia e, successivamente, al termine del primo anno di scuola primaria. Per raccogliere informazioni legate alle esperienze contestuali, invece, è stato consegnato un questionario self-report ai genitori dei bambini partecipanti alla ricerca. Dopo aver osservato le correlazioni tra le misure del questionario e le misure delle prove somministrate, sono state condotte delle analisi di regressione gerarchica con variabile dipendente la comprensione del testo scritto e come predittori le componenti della stessa (decodifica e comprensione orale) e le variabili contestuali (riconducibili alle diverse aree del questionario).

Tesi di Laurea Magistrale

Facoltà: Psicologia

Autore: Valentina Castello Contatta »

Composta da 90 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 939 click dal 26/02/2015.

 

Consultata integralmente una volta.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.