Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Produzione del cacao in Costa Rica: studio di una strategia di clustering sostenibile nel cantone di Talamanca

L'attività di produzione del cacao in Costa Rica ha subito un brusco calo dalla fine degli anni '70: la produzione è tuttora molto bassa nonostante il cacao costaricense sia molto rinomato e la relativa domanda molto alta e ben pagante. Concentrandoci sul cantone di Talamanca, zona di produzione tra le principali e storicamente legata al cacao, si visualizzano una serie di ritardi in termini di catena del cacao che non permette di catturare i benefici di tale produzione, ed altri ritardi legati al basso Indice di Sviluppo Umano del cantone. La proposta contenuta in questo lavoro di tesi è dunque quella di fare del cacao il motore dello sviluppo sostenibile a livello locale attraverso una strategia di clustering che permetta di ottenere risultati integrati nei diversi ambiti d'azione individuati nella Dichiarazione di Stoccolma del 1972, con uno sviluppo a tutto tondo dei diversi attori operanti nel cantone nella produzione del cacao.

Mostra/Nascondi contenuto.
6 PRODUZIONE DEL CACAO IN COSTA RICA: STUDIO DI UNA STRATEGIA DI CLUSTERING SOSTENIBILE NEL CANTONE DI TALAMANCA Giacomo Poggiali Introduzione Il Costa Rica è da sempre un importante produttore di cacao, con studi ar- cheologici che ne confermano l’ampio utilizzo e coltivazione già nell’epoca precolombiana. Prima della conquista coloniale i nativi del Costa Rica usavano il cacao come alimento e moneta: era infatti simbolo di ricchezza e potere tra le tribù. Il cacao nel paese è stato uno dei principali prodotti d’esportazione dalla fine dell’800 alla fine degli anni ’70 del Novecento. L’attività produttiva di cacao in Costa Rica ha subito infatti una brusca diminuzione da 35 anni a questa parte, soprattutto per effetto della moni- lia (Moniliophthora roreri), epidemia che dall’anno in cui iniziò a colpire, il 1978, fu la principale causa di riduzione della produttività e della pro- duzione del cacao. Il Costa Rica sperimenta così una brusca riduzione del- la sua produzione di cacao, situandosi oggi al 41esimo posto nel mondo per volume prodotto, nonostante le condizioni del suolo e climatiche del paese generino un vantaggio competitivo nella produzione del cacao, così come la sua posizione geografica di vicinanza o di rapido accesso ai gran- di consumatori europei e statunitensi, e la manodopera familiare che con- sente la riduzione di molti costi operativi (Barrantes & Foster, 2010). Tut- tavia, l’importanza e la fama del cacao prodotto nel paese superano i mer- cati toccati da questo prodotto: esso si identifica infatti per la caratteristica speciale di essere un cacao fino e di aroma, qualità che assai pochi paesi produttori offrono (Santos, 2010). Di tutti i paesi centroamericani solo il

Laurea liv.I

Facoltà: Economia

Autore: Giacomo Poggiali Contatta »

Composta da 103 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 890 click dal 10/03/2015.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.