Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La rappresentazione della vergogna negli spot televisivi italiani

Perché ci vergognamo di comprare i preservativi, le pomate contro le emorroidi e gli assorbenti intimi? Come fa la pubblicità ad approfittare dei nostri difetti e del nostro senso di inadeguatezza per indurci ad acquistare saponi anti-brufoli, creme anti-rughe e shampoo anti-caduta? E’ possibile parlare di un marketing delle emozioni o “marketing emozionale”? Sono queste alcune delle domande cui la tesi cerca di rispondere, ricorrendo a marketing, semiotica, psicologia, sociologia dei consumi e antropologia. Dall'adolescente che lotta contro i brufoli con il sapone Topexan al sorriso smagliante di chi usa Colgate, dall'angelo ciccione che non mangia i cereali Kellogg's alla modella che non ricorda se ha indossato il suo assorbente Carefree, passando per la banana Ciquita, i telefonini Tim e i jeans Levi's. Vengono presi in considerazione alcuni degli spot più famosi e divertenti degli ultimi anni e si scopre come le emozioni siano le grandi protagoniste dell’universo pubblicitario italiano.

Mostra/Nascondi contenuto.
La rappresentazione della vergogna negli spot televisivi italiani - Emiliano Germani Introduzione 1 Dal Corriere della Sera del 9 settembre 2000: Treviso, ragazzo suicida per vergogna. Era stato sorpreso con una prostituta “Si è ucciso per la vergogna dopo essere stato fermato dai carabinieri in compagnia di una prostituta. Contro Antonello P., geometra venticinquenne, i militari avevano applicato le nuove norme adottate per combattere il mercato del marciapiedi: era stato denunciato per favoreggiamento e gli era stata sequestrata la vettura. Il ragazzo era tornato con un taxi verso il suo paese: Colfosco, un centro non lontano da Conegliano. Ma non ha avuto la forza di tornare a casa: temendo il giudizio dei genitori e della fidanzata, si è fermato ai margini di un campo di granturco. Lì, poco prima dell’alba, si è impiccato a un albero di ciliegio”.

Tesi di Laurea

Facoltà: Sociologia

Autore: Emiliano Germani Contatta »

Composta da 394 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 6711 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 19 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.