Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Ruolo dei batteri nitrificatori in un ecosistema artificiale

Batteri, nitrificazione, azoto, bioflottazione, ecologia, ecosistema, depurazione, ambiente.

Mostra/Nascondi contenuto.
3 Introduzione e scopo del lavoro Con l’avvento della rivoluzione industriale la nostra vita ha avuto un incremento qualitativo notevole; di pari passo l’ambiente è stato sempre più sottoposto a stress dovuti ad un abuso incontrollato delle risorse naturali. In particolar modo gli ecosistemi acquatici sono interessati da un diffuso inquinamento, che ne altera in modo significativo la composizione cenobiotica riducendo drasticamente la biodiversità. Lo studio delle tecnologie depurative per i reflui destinati a confluire nella rete idrografica e nei bacini idrogeologici appare quindi prioritario. Lo studio oggetto di questa tesi rientra in un ampio programma sperimentale, atto a indagare le potenzialità di una recente tecnologia per il trattamento depurativo delle acque reflue, detta “bioflottazione”. La grande efficacia sinora dimostrata da questo processo nei confronti delle sostanze ad elevato tenore di carbonio (per intenderci, quelle che incrementano il parametro analitico espresso come COD), deve essere confermata anche per quelle azotate. Le moderne tecniche depurative tendono a trattare gli agenti inquinanti nel loro complesso, considerando nella tecnologia di processo sia quelli contenenti le diverse forme di azoto sia quelli a base di fosforo oltre al substrato di carbonio. Nel dettaglio la finalità di questo lavoro è stata lo studio delle rese di ossidazione biologica delle sostanze azotate in questo nuovo processo, considerando il reattore dell’impianto pilota come un ecosistema artificiale controllato e gestito, in cui si instaura una comunità di batteri nitrificanti che permettono un’accelerazione dei naturali processi depurativi, che altrimenti avverrebbero comunque nell’ambiente acquatico con conseguenze estremamente dannose.

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali

Autore: Massimiliano Ravasio Contatta »

Composta da 89 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2564 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 3 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.