Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Short Cuts: Raymond Carver e Robert Altman raccontano l'America

L'America è sempre stata considerata il paese dei sogni, della libertà, della felicità e delle possibilità nell'immaginario collettivo; la patria del nuovo, una sorta di terra promessa dove ogni desiderio o voglia di rivalsa è realizzabile. Tuttavia, considerando realmente quella che è stata la storia americana ci rendiamo conto che sicuramente parliamo di "falsi" miti: gli Stati Uniti d'America, come ogni paese sviluppato che si rispetti, hanno i loro problemi sociali, economici, razziali, ecc., e se nel loro caso la forza della mitopoiesi intesa quale dimensione dell'insopprimibile desiderio umano di realizzare i sogni possibili ha inciso in profondità e con forza straordinaria, ciò si deve all'incrocio, per molti versi irripetibile, fra le idee di libertà e di progresso che contrassegna la loro nascita sulla scena della storia (1776). Al di là, pertanto, di ogni residuale e vieto preconcetto ideologico, gli Stati Uniti non sono mai stati la "terra promessa" in senso assoluto, nemmeno anche quando lo si è voluto far credere.
Da questi concetti e da questa radicata convinzione prendono le mosse per il loro lavoro due figure significative della cultura americana della seconda metà del secolo scorso, che hanno operato in ambiti apparentemente del tutto diversi. Si tratta di Raymond Carver, autore di narrativa breve e di poesia, e di Robert Altman, regista soprannominato il "diavolo" della pellicola per la sua intelligenza e per la sua maestria. L'America che questi due eminenti uomini di cultura prendono in esame è quella di oggi e di ieri, nel tentativo di dimostrare che nel passato come nel presente nulla è mai stato come lo si voleva far credere. I problemi ci sono sempre stati, sebbene oggi sembrino mascherati sapientemente da una sorta di sottile velo di ipocrisia.

Mostra/Nascondi contenuto.
Prologo: Raymond Carver e Robert Altman

Diploma di Laurea

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Giovanna Rita Briganti Contatta »

Composta da 115 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 250 click dal 23/03/2015.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.