Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La nuova professionalità del docente di matematica

Le varie scienze dell’educazione (quali la psicopedagogia, la psicologia dell’età evolutiva, la psicologia dell’apprendimento, l’antropologia sociale e culturale, ecc.) affrontando l’analisi del processo educativo in termini di accertamenti empirici, sono giunte a una riformulazione dei "ruoli" nel rapporto insegnante-allievo e ad una nuova definizione del rapporto insegnante-sapere.
Un nuovo profilo professionale dell’insegnante prevede competenze tecniche e scientifiche capaci di rapido aggiornamento, competenze pedagogiche aperte agli accertamenti empirici e capacità di distanziamento critico di fronte alle trasformazioni sociali dei processi educativi.
L’interazione tra insegnante e allievo richiede una diversa progettazione, un nuovo impiego e una differente distribuzione dei sussidi e degli strumenti didattici.
La ristrutturazione dell’attività didattica in funzione di un maggiore controllo dei processi di insegnamento-apprendimento implica una trasformazione dei criteri di valutazione. Questi non possono più limitarsi ad una verifica più o meno soggettiva dei livelli prestabiliti di successo o insuccesso scolastico (valutazione finale), ma accompagnano ed orientano tutta l’attività didattica, avendo di mira la massimizzazione dell’apprendimento da parte di tutti gli allievi. È coerente con questa metodologia che il carattere soggettivo della valutazione sia ridotto al minimo, sostituendo le interrogazioni orali e i compiti scritti con prove oggettive di profitto ( test di completamento e di sostituzione di frasi a scelta semplice, a scelta multipla e simili) costruite dopo ogni passo in rapporto agli obiettivi specifici di ogni singola sequenza di insegnamento-apprendimento.
Per quanto i docenti delle scuole di ogni ordine e grado possano divergere nella interpretazione e nella valutazione di parecchi punti della problematica educativa, spesso ciò che sembra accomunarli è, purtroppo, la loro formazione razionale.
La conoscenza è vista e posseduta, nel migliore dei casi, nella sua sola dimensione critica. Non è conoscenza organizzata in funzione dell’agire, ma del sapere; non del risolvere i problemi, bensì del giudicare. Spesso è ancora peggio: ripetizione stereotipata di trattazioni, di giudizi, di confronti, di valutazioni.
Nella scuola secondaria, come nelle università, si sviluppa una formazione culturale di tipo critico-osservatorio, quando non meccanico-riproduttivo. Questo accade perchè molti docenti non hanno conoscenze di tipo psicologico e pedagogico. Tuttavia non è sufficiente conoscere, occorre anche saper mettere in pratica tali conoscenze nella risoluzione di precisi problemi formativi e nelle scelte che vanno compiute nel contesto dell’attività didattica. In maniera non dissimile da quella del medico o dell’avvocato, la preparazione professionale dell’insegnante non può puntare su una acquisizione del sapere pura e semplice, ma deve mirare alla esplicazione di specifiche competenze operative. Lo studio non è fine a se stesso, ma orientato alla capacità di intervenire efficacemente sulla realtà. Apprendere dunque è imparare a pensare, cioè a risolvere problemi: lo schema del processo di apprendimento si identifica con quello dell’indagine. La scuola allora per insegnare a pensare, deve sviluppare negli allievi la capacità di concentrarsi sulle condizioni oggettive che esigono, promuovono e mettono alla prova il pensiero. Primo compito dell’insegnante è promuovere l’attività dell’allievo con opportune stimolazioni, in grado di produrre le impressioni sensibili esterne e interne, che sono il fondamento della formazione di idee adeguate, dell’azione dei meccanismi associativi e della dinamica delle emozioni. Particolare importanza ha il linguaggio dell’insegnante, poiché la parola può stimolare a produrre l’attività mentale; essa però non deve essere usata come esclusiva modalità di intervento didattico: è importante soprattutto per richiamare e ricordare cose già insegnate e per l’esercizio logico.
In tutta la trattazione che segue si esamineranno alcuni delle principali questioni che riguardano l’insegnamento e l’apprendimento della matematica delle quali si è ampiamente discusso durante il Corso di perfezionamento in Didattica della Matematica per la Scuola Secondaria, tenutosi presso il Dipartimento di Matematica dell’Università di Bari durante l’anno accademico 1999/2000.
Questa tesi è il risultato di una attenta riflessione su quanto è stato detto in aula sulla nuova professionalità del docente di matematica e sulle esperienze fatte dagli insegnanti intervenuti che da anni sono impegnati nell’ambito della ricerca in didattica della matematica.

Mostra/Nascondi contenuto.
2 Introduzione Le varie scienze dell’educazione (quali la psicopedagogia, la psicologia dell’età evolutiva, la psicologia dell’apprendimento, l’antropologia sociale e culturale, ecc.) affrontando l’analisi del processo educativo in termini di accertamenti empirici, sono giunte a una riformulazione dei <<ruoli>> nel rapporto insegnante-allievo e ad una nuova definizione del rapporto insegnante-sapere. Un nuovo profilo professionale dell’insegnante prevede competenze tecniche e scientifiche capaci di rapido aggiornamento, competenze pedagogiche aperte agli accertamenti empirici e capacità di distanziamento critico di fronte alle trasformazioni sociali dei processi educativi. L’interazione tra insegnante e allievo richiede una diversa progettazione, un nuovo impiego e una differente distribuzione dei sussidi e degli strumenti didattici.

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali

Autore: Vittoria Mastrototaro Contatta »

Composta da 78 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 7971 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 5 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.