Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La traduzione letteraria in Turchia

La tesi cerca di delineare l'influenza del processo di traduzione sulla vita letteraria e culturale della nazione turca nel XVIII secolo. La scelta di avviare la ricerca in questa precisa fase storica è legata ai profondi cambiamenti che la nazione vive in seguito all'emanazione delle riforme delle Tanzimat e dell'influenza delle opere occidentali. Si affermano istituzioni che daranno un forte impulso all'attività traduttologica nell'impero, soprattutto in seguito all'affermazione del genere del romanzo in terra turca, fino ad allora genere letterario del tutto sconosciuto.
Autori come Ahmed Midhat e Sinasi saranno conosciuti primi come traduttori e successivamente come romanzieri.
Dopo la proclamazione della Repubblica nel 1923, e soprattutto dopo la riforma linguistica del 1928, nasceranno nuove istituzione che preserveranno l'essenza della lingua turca liberandola dalle influenze arabo-persiane.
I cambiamenti socio-politici che vive la nazione porteranno a una netta affermazione del romanzo turco in tutta la regione, con la nascita di un movimento inverso nella traduzione. Con scrittrici come Elif Shafak e Merihan Magden si traduce dal turco all'inglese, consentendo al romanzo di affermarsi anche in palcoscenici internazionali.

Mostra/Nascondi contenuto.
4 Introduzione Nella tesi si cerca di d e li ne a re l’influe nz a d e l p roc e sso di tra duz ione su ll a vit a letteraria e culturale della nazione turca a partire da XVIII secolo. La scelta di dar inizio alle ricerche in una precisa fase storica, quindi soffermando l’a tt e nz ione a i pr im i a nni de l 1800, è le g a ta a i pr o fondi c a mbi a menti c he l’ im pe ro ott omano a ff rontò a pa rt ire da l 1839, la da ta c h e se g na l’ini z io de ll ’e poc a de ll e Tanzimat. Rivol g e ndo uno sg ua rdo a i se c oli pr e c e d e nti , si può a ff e rm a re c h e l’imp e r o a ve va ra gg iunt o il suo massim o splendor e c on l’e span sione e il c ontroll o sui ter ritori limitrofi, apparendo come una potenza permeata dai propri valori religiosi e sociali, costantemente in contrasto con il mondo occidentale e la sua cultura. Tuttavia , pe r c ompre nd e re la c ompl e ssi tà de ll a vit a c ult ur a le n e ll ’impe ro, ho rivolt o il mi o int e re sse a l l’a mbi to letterario, in cui mediante, i cambiamenti socio- culturali apportati in ogni sfera d e ll a vit a pubbli c a e pr ivata da ll ’onda t a de ll e riforme, ho delineato gli aspetti del processo di traduzione nel XVIII secolo. Ne g li a nni pr e c e d e nti in c ui l’imp e ro e ra a nc or a lega to a ll a su a na tur a r e li g iosa, quando gli insegnamenti avvenivano nelle medrese attraverso la lettura del Corano, quindi in arabo, le traduzioni non ebbero la loro fortuna in una società inerte. L ’impi e g o di que sto a gge tt ivo, in que sto c ontesto , non è sinon im o di inop e rosità, ma sta ad indicare una società poco propensa e disposta ai cambiamenti, che si “ a c c ontenta va ” de ll o status in c ui e ra l’imp e ro. I nolt r e , lo stadio in iz iale in c ui versava la lingua ottomana, influenzata dai prestiti arabi e persiani, non contribuì a un progresso in ambito letterario. Così, in questi anni le traduzioni non furono particolarmente influenti sulla vita culturale ottomana, e dalle ricerche condotte emerge che fino alla fino del XVII secolo, gli unici esempi di testi tradotti erano rappresentati dai racconti di autori persiani e arabi. Si assiste, quindi, anche nelle traduzioni così come nelle altre sfe re d e ll a vit a de ll ’impe ro a l dom ini o de ll e f onti isl a mi c he .

Tesi di Laurea Magistrale

Facoltà: Lingue e Letterature Straniere Moderne

Autore: Michela Pepe Contatta »

Composta da 156 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 244 click dal 04/03/2015.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.