Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Operazione Mare Nostrum. Dalla salvaguardia della vita in mare alla cancellazione di un intervento umanitario

Mare Nostrum rappresenta un momento di spaccatura rispetto alle forme di gestione degli arrivi via mare portate avanti negli anni. La scelta di approfondire lo studio di questo intervento nasce dal carattere innovativo dell’Operazione che pone finalmente come obiettivo primario la salvaguardia della vita in mare al fine di prevenire le stragi del Mediterraneo.
Il volgersi degli eventi hanno fatto in modo che si riuscissero a seguire le varie fasi dell’Operazione, dai suoi primi passi fino alla cancellazione definitiva con l’avvio di Triton. Questa dinamica ha consentito di perseguire un duplice fine. Da un lato cercare di capire se Mare Nostrum avrebbe potuto essere una valida strategia per raggiungere gli obiettivi fissati; e cosa bisognerebbe ripensare per creare strategie di intervento efficaci nel lungo periodo. Dall’altro ho tentato di cogliere le reali finalità dell’Operazione, prima, e della sua archiviazione, poi. Lo studio ha portato ad escludere l’ipotesi che essa venisse fuori da una effettiva volontà di fermare le morti in mare, ed a far ipotizzare che le dinamiche nascondessero finalità di matrice politica più che umanitaria.
La struttura ha voluto ricalcare la dinamica degli obiettivi.
Abbiamo un primo capitolo che ricostruisce le vicende legate alla nascita ed all’archiviazione di Mare Nostrum.
Un secondo capitolo che osserva il dibattito che si è costruito attorno alla stessa già dalle sue prime fasi. Si esaminano le opinioni favorevoli e quelle contrarie e si mettono in risalto gli aspetti che rimangono ai margini della diatriba.
Nel terzo ed ultimo capitolo si passa ad indagare circa le reali motivazioni che hanno prodotto Mare Nostrum e cosa rappresenta realmente la sua archiviazione.

Mostra/Nascondi contenuto.
3 Introduzione Mare Nostrum, prima ancora di essere una operazione militare, è una locuzione latina che tradotta letteralmente significa il nostro mare 1 . Il Mar Mediterraneo. Fin dagli albori il Mediterraneo è stato teatro di scambi commerciali, di incontri e di scontri fra popolazioni diverse ed ha visto, nel corso dei secoli, la nascita e la crescita di importanti culture e civiltà. Tutto ciò è stato possibile solo grazie alle prime forme di migrazioni che hanno fatto del nostro mare il fulcro del mondo conosciuto. Negli ultimi tempi il Mediterraneo ha mutato il suo volto. Ha smesso di essere il mare delle scoperte e degli scambi economici e culturali per divenire l’unica via di salvezza possibile per migliaia di uomini in fuga da guerre, violenze e crisi umanitarie. Uomini che ogni giorno mettono a rischio la propria vita accettando di viaggiare in centinaia stipati in mezzi di fortuna perché restare nel proprio paese di origine significherebbe essere sottoposti al costante rischio di torture e violenze. Il Mediterraneo è diventato anche un confine. Il confine meridionale della Fortezza Europa. Un confine da difendere da quelle frotte di uomini in fuga, spesso percepiti come minaccia agli equilibri economici, culturali e sociali già esistenti e consolidati. Le coste italiane, in particolare, in quanto porto sul Mediterraneo, sono diventate negli anni meta di costanti sbarchi di genti e di speranze. L’immigrazione: caratteri generali * Generalmente con il termine Immigrazione si definisce ogni movimento migratorio individuale o di massa originato da motivi economici, di studio, di lavoro o dall'intento di fuggire da situazioni conflittuali del proprio paese che porta a stabilirsi, in via temporanea o definitiva, in un luogo diverso da quello di origine. 1 www.treccani.it * Premessa del Capitolo 2 - L'immigrazione: caratteri generali e leggi della tesi Devianza minorile Immigrati e la problematica della risposta carceraria, pubblicata su http://www.altrodiritto.unifi.it/ricerche/minori/cimmino/index.htm

Tesi di Master

Autore: Federica Ruffa Contatta »

Composta da 55 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 864 click dal 12/03/2015.

 

Consultata integralmente 4 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.