Skip to content

La rappresentazione della famiglia nei bambini maltrattati

Informazioni tesi

  Autore: Mila Galabova Tinkova
  Tipo: Laurea liv.II (specialistica)
  Anno: 2012-13
  Università: Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano
  Facoltà: Psicologia
  Corso: Psicologia
  Relatore: Alessandra Ionio
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 103

l presente lavoro cerca di analizzare il modo in cui il maltrattamento subito all'interno della famiglia influenza il modo di rappresentarla all'interno dei disegni.
La famiglia è l'ambiente che incide maggiormente sullo sviluppo del soggetto. É all'interno di essa infatti che il bambino entra per la prima volta in relazione con altri individui e con il mondo circostante.
Nel primo capitolo si è data attenzione ai fattori che contraddistinguono le famiglie che favoriscono uno sviluppo sano del soggetto da quelle in cui ciò non è possibile a causa degli abusi che la caratterizzano.
Le dinamiche familiari sono determinate dalle caratteristiche dei genitori e per questo si è cercato di far luce sui fattori che possono favorire un comportamento maltrattante o trascurante verso il figlio. È risultato inoltre fondamentale riportare anche gli effetti che tali comportamenti hanno sul minore.
Nel secondo capitolo l' attenzione viene posta sul bambino, in particolare a come egli, non ancora pronto ad esprimersi con un linguaggio verbale, possa manifestare e “raccontare” le sue esperienze e i suoi vissuti attraverso l’atto grafico. Dopo una panoramica generale sullo sviluppo delle competenze grafiche, è stata posta l'attenzione sul fatto che il disegno in ambito clinico risulta essere uno strumento utile sotto molti punti di vista in quanto cattura simbolicamente sulla carta alcuni dei pensieri e dei sentimenti del bambino. I bambini abusati hanno bisogno di modi alternativi al colloquio per sfogare la paura, la rabbia, l’aggressività, l’ostilità e le sensazioni legate alla violenza.
In particolare dal “Disegno della famiglia” si possono ottenere importanti indicazioni su come il soggetto rappresenta se stesso all'interno delle dinamiche familiari.
Per poter quindi individuare come si modifica la rappresentazione della famiglia in seguito ai maltrattamenti subìti, sono stati formati due gruppi di bambini di età compresa tra i 5 e i 13 anni. Il primo gruppo normativo, era composto da bambini senza vissuti di maltrattamento, il gruppo clinico invece era composto da bambini risiedenti in comunità a seguito dell'allontamento dalle rispettive famiglie in quanto considerate maltrattanti o trascuranti.
Al fine di mettere a confronto questi due gruppi sono stati utilizzati gli stessi strumenti di uno studio pilota di Ionio e Ripamonti (2010) . Tale studio aveva indagato in che modo si modifica la rappresentazione di se stessi all' interno dei disegni in seguito agli abusi subiti.
Sono stati sottoposti due questionari (CBCL e PROPS) ai genitori nel caso dei soggetti del gruppo normativo e agli operatori delle comunità responsabili dei soggetti del gruppo clinico, mentre ai bambini è stato chiesto di effettuare il “Disegno della famiglia”.
Nel terzo capitolo quindi sono state analizzate le caratteristiche del campione e descritti in dettaglio gli strumenti utilizzati e la procedura della ricerca.
Infine nel quarto capitolo sono stati riportati i risultati ottenuti attraverso un t-Test per campioni indipendenti sui punteggi ottenuti dal CBCL e dal PROPS e le differenze significative emerse dai disegni dei due gruppi attraverso il calcolo del CHI quadrato.
Considerando quindi i riferimenti teorici dei primi due capitoli è stata fatta una discussione dei risultati ottenuti, che ha permesso di trarre alcune conclusioni sulle modalità in cui il maltrattamento influenzasse le rappresentazioni dei bambini.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
INTRODUZIONE Il presente lavoro cerca di analizzare il modo in cui il maltrattamento subìto all'interno della famiglia influenza il modo di rappresentarla all'interno dei disegni. La famiglia è l'ambiente che incide maggiormente sullo sviluppo del soggetto. É all'interno di essa infatti che il bambino entra per la prima volta in relazione con altri individui e con il mondo circostante. Nel primo capitolo si è data attenzione ai fattori che contraddistinguono le familglie che favoriscono uno sviluppo sano del soggetto da quelle in cui ciò non è possibile a causa degli abusi che la caratterizzano. Le dinamiche familiari sono determinate dalle caratteristiche dei genitori e per questo si è cercato di far luce sui fattori che possono favorire un compotamento maltrattante o trascurante verso il figlio. È risultato inoltre fondamentale riportare anche gli effetti che tali comportamenti hanno sul minore. Nel secondo capitolo l' attenzione viene posta sul bambino, in particolare a come egli, non ancora pronto ad esprimersi con un linguaggio verbale, possa manifestare e “raccontare” le sue esperienze e i suoi vissuti attraverso l’atto grafico. Dopo una panoramica generale sullo sviluppo delle competenze grafiche, è stata posta l'attenzione sul fatto che il disegno in ambito clinico risulta essere uno strumento utile sotto molti punti di vista in quanto cattura simbolicamente sulla carta alcuni dei pensieri e dei sentimenti del bambino. I bambini abusati hanno bisogno di modi alternativi al colloquio per sfogare la paura, la rabbia, l’aggressività, l’ostilità e le sensazioni legate alla violenza. In particolare dal “Disegno della famiglia” si possono ottenere importanti indicazioni su come il soggetto rappresenta se stesso all'interno delle 4

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi