Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Turismo e sviluppo economico: le isole del Mediterraneo

Il turismo rappresenta un indiscusso fenomeno di arricchimento personale e territoriale. Già nel 1980 la Dichiarazione di Manila sul Turismo Mondiale adottata dall’UNWTO (United Nations World Tourism Organization, agenzia specializzata dell’ONU) lo considerava un bisogno sempre meno elitario e sempre più universale, e ne evidenziava il ruolo essenziale e gli effetti positivi: dai benefici per le economie locali al consolidamento delle transazioni internazionali; dal benessere psico-fisico individuale ai vantaggi per le bilance dei pagamenti degli Stati; dall’educazione culturale ed ambientale alla conoscenza delle differenti identità nazionali fino alla cooperazione e all’equilibrio mondiali.
Non mancano peraltro i risvolti negativi . Si pensi all’inquinamento, ai costi ambientali delle infrastrutture e delle grandi opere di edilizia o alla mercificazione dei costumi locali. Inoltre, non tutti i profitti generati dalle attività turistiche rimangono in loco ma spesso ritornano nei Paesi dove hanno sede le compagnie aeree, i tour operator, le catene di alberghi e di ristoranti, oppure restano all’interno dei villaggi vacanze e delle navi da crociera. I rischi di dipendenza economica eccessiva dal turismo (la “monocultura”) e di sfruttamento incontrollato delle risorse naturali spingono poi ad affrontare sfide come la destagionalizzazione e la sostenibilità, che riescano a garantire alla comunità locale il guadagno economico tutelandone allo stesso tempo l’integrità ambientale, sociale e culturale. Il turismo è d’altronde un settore molto complesso, che da un lato offre infinite potenzialità e dall’altro coinvolge diversi interessi – a volte contrastanti – e necessita di mezzi non solo economici: pertanto può assumere connotati positivi o negativi a seconda di come viene pianificato e gestito.
Questa tesi si propone di analizzare l’impatto del turismo in particolari regioni europee: le isole del Mar Mediterraneo. Al centro dell’indagine ci sarà quindi l’importanza delle attività turistiche in contesti dal tessuto industriale fragile ma ricchi di opportunità di crescita alternative.
In apertura è utile fornire una cornice preliminare sul legame che unisce settore turistico e territorio: una sorta di scambio di risorse e di ciclo virtuoso “offerta turistica-esportazione di beni e servizi-occupazione e reddito-crescita territoriale”.
Nel secondo capitolo si delinea il quadro d’insieme del turismo europeo, soprattutto a livello regionale e per mezzo del sistema di nomenclatura statistica NUTS.
Il terzo capitolo costituisce il nucleo dell’intero lavoro ed è un’analisi comparativa sul peso del settore turistico in un gruppo ristretto di unità NUTS-2. Il focus geografico comprende le dieci regioni insulari del Mediterraneo: le isole Baleari, la Corsica, la Sardegna, la Sicilia, Malta, le isole ioniche, l’Egeo settentrionale, l’Egeo meridionale, Creta e Cipro. Vengono svolti esercizi quantitativi su dati in materia di presenze turistiche, capacità ricettiva, traffico aeroportuale e crocieristico e dotazione paesaggistico-culturale, con particolare attenzione al confronto tra la Sicilia e le Baleari.
Chiudono l’elaborato alcune riflessioni sui risultati dell’indagine insieme a prospettive auspicabili per il futuro nell’ottica di investimento sul binomio vincente “turismo-isole mediterranee”.

Mostra/Nascondi contenuto.
1 SINTESI Il turismo rappresenta un indiscusso fenomeno di arricchimento personale e territoriale. Già nel 1980 la Dichiarazione di Manila sul Turismo Mondiale adottata dall‟UNWTO (l‟agenzia specializzata dell‟ONU, United Nations World Tourism Organization) lo considerava un bisogno sempre meno elitario e sempre più universale, evidenziandone il ruolo essenziale e gli effetti positivi: dai benefici per le economie locali al consolidamento delle transazioni internazionali; dal benessere psico-fisico individuale ai vantaggi per le bilance dei pagamenti degli Stati; dall‟educazione culturale ed ambientale alla conoscenza delle differenti identità nazionali fino alla cooperazione e all‟equilibrio mondiali. Non mancano però i risvolti negativi 1 . Si pensi all‟inquinamento, ai costi ambientali delle infrastrutture e delle grandi opere di edilizia o alla mercificazione dei costumi locali. Inoltre, spesso i profitti generati dalle attività turistiche non rimangono in loco ma ritornano nei Paesi dove hanno sede le compagnie aeree, i tour operator, le catene di alberghi e di ristoranti, oppure restano all‟interno dei villaggi vacanze e delle navi da crociera. I rischi di dipendenza economica eccessiva dal turismo (la monocultura) e di sfruttamento incontrollato delle risorse naturali spingono poi ad affrontare sfide come la destagionalizzazione e la sostenibilità, che riescano a garantire alla comunità locale il guadagno economico tutelandone allo stesso tempo l‟integrità ambientale, sociale e culturale. D‟altronde il turismo è un settore molto complesso, che da un lato offre infinite potenzialità e dall‟altro coinvolge diversi interessi – a volte contrastanti – e necessita di mezzi non solo economici: pertanto può assumere connotati positivi o negativi a seconda di come viene pianificato e gestito. Questa tesi si propone di analizzare l‟impatto del settore turistico in un gruppo di regioni europee: le isole del Mar Mediterraneo, località di straordinario valore paesaggistico, storico e culturale diventate dagli anni Ottanta e Novanta grandi mete del turismo non solo europeo. È composta da due capitoli: uno, introduttivo, sulla rilevanza del turismo nel mondo e nell‟Unione europea; l‟altro, più specifico, dedicato al suo ruolo nelle dieci regioni insulari del Mediterraneo. 1 Una panoramica approfondita sugli impatti ambientali, socio-culturali ed economici del turismo (sia positivi che negativi) è disponibile sul portale dell‟UNEP, il Programma per l‟Ambiente dell‟ONU (www.unep.org/resourceefficiency/Business/SectoralActivities/Tourism/FactsandFiguresaboutTourism/I mpactsofTourism/tabid/78774/Default.aspx)

Laurea liv.II (specialistica)

Facoltà: Scienze Politiche

Autore: Federica Castellana Contatta »

Composta da 64 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1894 click dal 07/04/2015.

 

Consultata integralmente 2 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.