Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Renaud: ''Rebelle, vivant et debout''. Percorso artistico di un sessantottino autore di testi

Questa tesi approfondisce uno studio sull'opera di Renaud: ''Rebelle, vivant et debout''. Percorso artistico di un sessantottino autore di testi.

Mostra/Nascondi contenuto.
1 INTRODUZIONE Parlare e fare uno studio su un cantautore pone il problema di conside- rare la musica leggera una parte della cultura di una nazione. Non è questa la sede dove poter discutere intorno a questo problema; è però giusto sottolineare che la canzonetta non si limita sempre a trattare temi frivoli, ma a volte si oc- cupa anche di problemi sociali rilevanti e difficili. Da questo punto di vista, riveste certamente un ruolo importante nella società, in quanto è uno dei mezzi di trasmissione delle idee più veloci ed efficaci della nostra epoca. Per la sua portata popolare si deve quindi considerare la canzonetta, se non letteratura, quantomeno una espressione del modo di pensare di un determinato periodo. Essa è un luogo in cui si rispecchia la coscienza di un'epoca. Il discorso si fa ancora più interessante se poi l'artista influenza, con la sua produzione, le co- scienze e la lingua di una intera nazione; come ha fatto Renaud. Renaud non è solo un artista, è anche un personaggio. Nato ideologica- mente nei movimenti intorno al '68 e cresciuto ascoltando Brassens, è un misto tra i due: un anarchico, ribelle nei confronti della società. Con le sue scelte e le sue prese di posizione ha suscitato a volte l'ammirazione, a volte il disprezzo e l'odio di questo o di quel partito politico; di questo o di quel settore della socie- tà. Ma non solo, ha difeso le sue idee a costo di perdere, o di deludere, una par- te del suo pubblico. Quello che è certo, è che Renaud rimane comunque uno dei testimoni più autorevoli di un periodo storico e di una parte della società francese che prima di lui non aveva diritto di esistere. E' il cantante che ha dato voce alle persone più povere e disperate. Si è avvicinata la figura di Renaud a quella dei cantanti realisti del secolo precedente, a Bruant, ma c'è una differenza fonda- mentale che lo distingue da loro. Renaud è il primo cantante che canta il mondo delle periferie e che riesce a farsi un pubblico anche fuori da queste. Il suo suc- cesso attraversa tutte le classi sociali e diventa nazionale. Per la prima volta un

Tesi di Laurea

Facoltà: Lingue e Letterature Straniere

Autore: Samuele Montisci Contatta »

Composta da 201 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 789 click dal 20/03/2004.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.