Skip to content

Analisi del Bilateral Deficit e della percezione dello sforzo durante contrazioni muscolari isocinetiche degli arti inferiori

Informazioni tesi

  Autore: Manfredi Zampar
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2009-10
  Università: Università degli Studi di Udine
  Facoltà: Medicina e Chirurgia
  Corso: Biotecnologie mediche
  Relatore: Pietro Enrico di Prampero
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 42

Il Deficit bilaterale o bilaterl deficit (BLD) si verifica quando la forza (o potenza) generata da entrambi gli arti insieme è minore della somma delle forze (o potenze) elaborate separatamente dalle due parti.
Il bilateral deficit (BLD) descrive quindi la differenza tra la massima forza generata in contrazioni massimali dei muscoli, quando sono contratti da soli (contrazione monolaterale, ML) ed in combinazione con i muscoli controlaterali (contrazione bilaterale, BL). Si parla di deficit quando la somma delle forze ML è più grande della
forza espressa in una spinta BL.
Il grado di BLD può essere modificato da adattamenti neurali causati dall'esecuzione ripetitiva di compiti motori specifici (training del gesto sportivo).

Il principale obiettivo di questa tesi è stato quello di verificare l’eventuale presenza del BLD durante estensioni isocinetiche massimali degli arti inferiori, svolte utilizzando un particolare ergometro a slitta (EXER).

Inoltre, sono state analizzate:
a) la relazione esistente tra la forza espressa e l’angolo al ginocchio;
b) la percezione dello sforzo, al fine di valutare se la mono o bilateralità della spinta influisca sulla sensazione di fatica percepita dal soggetto.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
3 1. IL SISTEMA MUSCOLARE ED IL CONTROLLO MOTORIO L'essere umano per compiere un determinato lavoro meccanico, si avvale del contributo dei muscoli. I muscoli scheletrici costituiscono nell’uomo adulto una frazione rilevante del corpo (circa il 40%), e tale frazione varia in relazione all'età ed aumenta con l'allenamento. In generale si possono identificare nell’organismo tre tipi di muscoli, che differiscono per proprietà contrattili, elementi strutturali e diversi meccanismi di controllo: muscoli scheletrici, muscoli lisci e il miocardio. 1.1 Il muscolo scheletrico Il muscolo scheletrico è costituito da un fascio di fibrocellule delimitato all'esterno da uno strato di tessuto connettivo detto perimisio, il quale si estende fino all'interno del muscolo prendendo il nome di endomisio. Tale tessuto connettivo, una volta raggiunti gli estremi del muscolo, converge a formare robuste strutture fibrose chiamate tendini. Il muscolo scheletrico ha come unità anatomica fondamentale la fibra muscolare striata, una struttura cilindrica di 60 µm di diametro e di lunghezza variabile da 10 millimetri a parecchi centimetri (Cerretelli, 2001). Dimensione e disposizione delle fibre variano a seconda dei diversi muscoli ed hanno notevole importanza funzionale. In particolare, è importante sottolineare come l'accorciamento di una fibra muscolare sia proporzionale alla sua lunghezza iniziale; inoltre, la massima forza sviluppata dal muscolo è proporzionale alla sua superficie di sezione anatomica (CSA). Anche l’architettura muscolare gioca un ruolo importante nell’espressione della forza muscolare. Se i fasci di fibre sono paralleli si noterà una forza massima minore rispetto alla condizione nella quale essi siano convergenti, proprio perché c'è un maggior numero di fibre coinvolte. La fibra muscolare è costituita da una componente contrattile che è connessa in serie con una componente elastica. Quest'ultima si trova nei tendini ed in particolare nella zona H del sarcomero, esiste inoltre una componente elastica in parallelo che si trova nel sarcolemma ed una componente viscosa. Durante una contrazione isometrica (quando il muscolo si contrae senza accorciamento) la componente contrattile si accorcia mettendo in tensione gli elementi elastici in serie; la tensione sviluppata dal muscolo sarà tanto maggiore quanto più tesi risultano gli elementi elastici in serie e quindi in relazione alla lunghezza iniziale della fibra. Quando invece la componente contrattile si accorcia, ma non mette in tensione gli elementi in serie, il muscolo non produce alcuna tensione (ciò avviene quando la distanza degli estremi è minore del 60% di l o ).

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

forza
potenza
gambe
arti inferiori
percezione dello sforzo
bilaterale
bilateral deficit
monolaterale
contrazioni massimali

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi