Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La fiaba: ponte educativo tra l'adulto e il bambino

Il mio lavoro si propone di mettere in luce la valenza educativa che possiede la fiaba, l’importanza che essa occupa nella vita del bambino e di come, mediante la narrazione, si riveli uno strumento che unisce grandi e piccoli nella costruzione di una relazione autentica fondata sulla fiducia, reciprocità e gratuità.
Nel primo capitolo, partendo dall’origine e provenienza del genere fiabesco, ho analizzato le caratteristiche principali che ricorrono in ogni fiaba, facendo riferimento alle ricerche dell’antropologo russo Vladimir Propp.
Nel secondo capitolo, dopo aver messo in luce la valenza pedagogica della fiaba riprendendo in particolare la teoria psicoanalitica di Bruno Bettelheim, ho ritenuto utile ricercare anche le opinioni di autori che smentiscono tale validità educativa.
Nel terzo capitolo infine, ho presentato il modo in cui la fiaba può essere raccontata, soffermandomi sul tipo di relazione che si instaura tra narratore e ascoltatore. L’intento è quello di avvalorare il ruolo centrale che la fiaba occupa nella vita del bambino.

Mostra/Nascondi contenuto.
2 Introduzione Il mio lavoro si propone di mettere in luce la valenza educativa che possiede la fiaba, l’importanza che essa occupa nella vita del bambino e di come, mediante la narrazione, si riveli uno strumento che unisce grandi e piccoli nella costruzione di una relazione autentica fondata sulla fiducia, reciprocità e gratuità. Nel primo capitolo, partendo dall’origine e provenienza del genere fiabesco, ho analizzato le caratteristiche principali che ricorrono in ogni fiaba, facendo riferimento alle ricerche dell’antropologo russo Vladimir Propp. Nel secondo capitolo, dopo aver messo in luce la valenza pedagogica della fiaba riprendendo in particolare la teoria psicoanalitica di Bruno Bettelheim, ho ritenuto utile ricercare anche le opinioni di autori che smentiscono tale validità educativa. Nel terzo capitolo infine, ho presentato il modo in cui la fiaba può essere raccontata, soffermandomi sul tipo di relazione che si instaura tra narratore e ascoltatore. L ’intento è quello di avvalorare il ruolo centrale che la fiaba occupa nella vita del bambino.

Diploma di Laurea

Facoltà: Scienze dell'Educazione

Autore: Elisa Dolcetta Contatta »

Composta da 36 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 8212 click dal 15/04/2015.

 

Consultata integralmente 10 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.