Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il "senso" del discorso terapeutico: uno studio di caso con la Discourse Flow Analysis (DFA)

Questo studio presenta una breve rassegna su alcune metodologie per l’analisi dei trascritti in psicoterapia presenti in letteratura focalizzandosi nello specifico sulla procedura DFA (Discourse Flow Analysis) come metodo di analisi del processo psicoterapeutico. DFA è una tecnica che studia e mappa l’interazione verbale tra paziente e terapeuta come una rete discorsiva con l’obiettivo di misurare la capacità del discorso clinico di generare nuovo significato attraverso il tempo. La procedura nella forma originale si applica ai trascritti della psicoterapia combinando l’analisi testuale, le analisi statistiche e i calcoli matematici. Questo lavoro, in particolare, si pone l’obiettivo di verificare l’applicabilità della procedura ai prodotti autonomi di paziente e terapeuta e di analizzare la presenza di descrittori di senso in grado di spiegare l’evoluzione discorsiva dei singoli.
Metodo. Lo studio presenta i risultati di tre applicazioni delle procedura DFA ai trascritti del paziente, del terapeuta e integrale di una psicoterapia individuale. Il metodo ha previsto l’uso del software T-LAB per le Analisi tematiche e per le Analisi delle sequenze, necessarie ai fini della costruzione delle “reti discorsive”. I risultati sono stati incrementati all’interno di un foglio elettronico Excel che ha consentito il calcolo degli indici strutturali e dinamici.
Risultati. I risultati forniscono delle prove sulla possibilità di applicazione della DFA ai singoli testi e contribuiscono a confermare le ipotesi di ricerca secondo il modello teorico di riferimento (TSSM). Inoltre, secondo il modello di generalizzazione abduttiva consentono di generare nuove ipotesi superando la visione classica di processo terapeutico come composto da due fasi definite nel TSSM decostruzione e costruzione.
Conclusioni. La procedura DFA così implementata si qualifica come strumento in grado di mappare microanaliticamente l’evoluzione discorsiva del paziente e del terapeuta restituendo in modo più approfondito la dinamica del sensemaking nel processo psicoterapeutico.

Mostra/Nascondi contenuto.
  Abstract     Obiettivi.  Questo   studio  presenta   una   breve   rassegna   su  alcune   metodologie   per   l’analisi  dei  trascritti  in  psicoterapia  presenti  in  letteratura  focalizzandosi  nello  specifico   sulla  procedura  DFA  (Discourse  Flow  Analysis)  come  metodo  di  analisi  del  processo   psicoterapeutico.   DFA   è   una   tecnica   che   studia   e   mappa  l’interazione   verbale   tra   paziente  e  terapeuta  come  una  rete  discorsiva  con  l’o biettivo  di  misurare  la  capacità  del   discorso  clinico  di  generare  nuovo  significato  attraverso  il  tempo.  La  procedura  nella   forma  originale  si  applica  ai  trascritti  della  psico terapia  combinando  l’analisi  testuale,  le   analisi  statistiche  e  i  calcoli  matematici.  Questo   lavoro,  in  particolare ,  si  pone  l’obiettivo   di  verificare  l’applicabilità   della  procedura  ai  prodotti  autonomi  di  paziente  e  terapeuta   e  di  analizzare  la  presenza   di  descrittori   di  senso   in  grado   di  spiegare  l’evoluzione   discorsiva  dei  singoli.   Metodo.  Lo   studio   presenta   i   risultati   di   tre   applicazioni   delle   procedura   DFA   ai   trascritti   del   paziente,   del   terapeuta   e   integrale  di  una   psicoterapia   individuale .   Il   metodo  ha  previsto  l’uso  del  software  T -­‐LAB  per  le  Analisi  tematiche  e  per  le  Analisi   delle  sequenze,  necessarie  ai  fini  della  costruzione  delle  “reti  discorsive”.  I  risultati  sono   stati  incrementati  all’interno  di  un  foglio  elettronico  Excel  che  ha  consen tito  il  calcolo   degli  indici  strutturali  e  dinamici.   Risultati.  I  risultati  forniscono  delle   prove  sulla  possibilità  di  applicazione  della  DFA  ai   singoli   testi   e   contribuiscono   a   confermare   le   ipotesi   di   ricerca   secondo   il   modello   teorico  di  riferimento  (T SSM).  Inoltre,  secondo  il  modello  di  generalizzazione  abduttiva   consentono   di   generare   nuove   ipotesi   superando   la   visione   classica   di   processo   terapeutico  come  composto   da  due  fasi  definite  nel  TSSM   decostruzione   e   costruzione.   Conclusioni.  La  procedura  DFA  così  implementata  si  qualifica  come  strumento  in  grado   di  mappare  microanaliticamente  l’evoluzione  discorsiva  del  paziente  e  del  terapeuta   restituendo   in   modo   più   approfondito   la   dinamica   del   sensemaking   nel   processo   psicoterapeutico.   Keywords.  Discourse  Flow  Analysis;  procedure  di  analisi   discorsiva;  process  research;   sensemaking;        

Laurea liv.II (specialistica)

Facoltà: Psicologia

Autore: Daniele Russo Contatta »

Composta da 128 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 251 click dal 06/05/2015.

 

Consultata integralmente una volta.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.