Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Correzione geometrica di immagini telerilevate da aereo

Studio ed implementazione di 2 algoritmi

- triangolazione di Delaunay
- interpolazione multiquadrica

per la correzione delle distorsioni geometriche di immagini telerilevate da aereo.

Mostra/Nascondi contenuto.
Introduzione Le attuali tecniche di telerilevamento dallo spazio forniscono un contributo indispensabile allo studio dell'ambiente naturale. Le immagini multispettrali della superficie terrestre rilevate con tali tecniche trovano molteplici applicazioni per la geologia, lo studio dell'ambiente marino, la conoscenza dell'uso del territorio, la valutazione dell'inquinamento chimico e termico, lo sviluppo urbanistico e la cartografia. L'utilizzo di satelliti in orbita polare o geostazionaria attorno alla terra permette di acquisire dati periodici necessari per il controllo ambientale, mentre la disponibilità di piattaforme aeree opportunamente attrezzate consente di ottenere informazioni di maggior dettaglio con voli ad altezza opportuna ed una copertura temporale adeguata al monitoraggio di fenomeni in rapida evoluzione. I recenti sviluppi nell’elaborazione digitale delle immagini, resi possibili dall’evoluzione esplosiva dei mezzi di calcolo automatici, supportano notevolmente l’incremento di queste applicazioni dei dati di osservazione della terra dallo spazio. A livello italiano, è operativo un buon numero di sistemi per il telerilevamento aereo per il monitoraggio marino e terrestre nonché per attività di controllo ambientale da parte degli organismi preposti. Gran parte di questi sistemi sono basati su scanner prodotti dalla società statunitense Dædalus in varie configurazioni. In questo lavoro è stato considerato specificatamente il sistema Dædalus AA3500 che produce immagini digitali bispettrali ed è in dotazione alla Guardia di Finanza. Negli scanner montati sulle piattaforme aeree o satellitari, tramite dispositivi opto-meccanici costituiti da specchi rotanti o array lineari di sensori, si costruisce, per linee perpendicolari alla direzione di volo, un’immagine digitale multispettrale dell’area sorvolata, che successivamente viene opportunamente elaborata tramite procedure informatiche per vari scopi applicativi.

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali

Autore: Massimiliano Celli Contatta »

Composta da 150 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1513 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente una volta.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.